MISSIONI IN MALAWI: “LA SICCITÀ STA UCCIDENDO GLI ANZIANI DI FAME E MALARIA” "Il Malawi è un Paese che muore” afferma p. Giorgio Gamba missionario monfortano

499

La siccità in Malawi – Stato che si trova in Africa sudorientale lungo la Grande Rift Valley – sta mietendo centinaia di vittime. I primi a farne le spese sono gli anziani che non riescono più a fare neppure un pasto al giorno. “Ormai è difficile tenere il conto dei morti” racconta p. Piergiorgio Gamba, missionario monfortano in Malawi. “Il Malawi è un Paese che muore” afferma ancora p. Gamba nella lunga e drammatica testimonianza sul suo Paese inviata a Fides. La siccità, racconta, ha aggravato le già pessime condizioni economiche della popolazione – 15 milioni di abitanti con un tasso di crescita di quasi il 3% annuo – causate in buona parte dal malgoverno locale.

“Tra i primi a morire sono gli anziani – testimonia p. Gamba. – Nonni e nonne che sopravvivono a fatica in anni normali, ma che non riescono a vincere malattie endemiche come la malaria con la quale avevano imparato a coesistere. La mancanza di cibo è la prima causa di questi funerali che ritornano a scadenze costanti. Sono gli anziani a non poter più assicurarsi un piatto di polenta e poche erbe che in passato qualcuno portava loro”. La mancanza di cibo non è purtroppo l’unica causa del loro deperimento: “Gli ospedali – prosegue il missionario – non hanno molto da offrire e oltre ad essere terribilmente sovraffollati mancano anche di minimi livelli di assistenza”.

Gravi problemi anche nell’istruzione: “Le università del Malawi vivono uno dei periodi più difficili della loro storia – commenta -. L’aumento delle tasse scolastiche che già in passato pochissimi potevano permettersi di pagare, ora sono al massimo storico con cifre da oltre mille euro all’anno per una popolazione che non raggiunge un dollaro al giorno. La scuola superiore è ormai solo per i ricchi. Più del 50% degli universitari non frequenta più i corsi. Mentre il numero degli studenti nelle scuole primarie e secondarie è in grande espansione, nonostante non esiste ancora la scuola dell’obbligo, la mancanza di testi scolastici ha raggiunto livelli impressionanti fino ad essere la maggior causa di assenteismo e di abbandono da parte degli studenti”.

In Malawi manca anche l’essenziale, racconta p. Gamba: “La mancanza di corrente elettrica è ormai un dato con cui fare i conti. I Paesi a sud del Sahara consumano 181 Kwh per persona all’anno, paragonato ai 6.500 Kwh dell’Europa. Ma anche questo minimo non viene garantito. Il lago Malawi non ha acqua a sufficienza per la produzione di 360 MW che è il totale della corrente che il Malawi riesce a produrre in tempi buoni e per almeno i prossimi 6 mesi mancherà l’elettricità per 12 ore al giorno”.

Nonostante la siccità che si protrae da mesi, il grande male che affligge il Malawi resta la corruzione: “Gli ultimi cambi imposti dal governo, dal capo dell’esercito, ai dirigenti locali, come della stessa polizia sempre più violenta, sembrano essere stati effettuati in vista delle elezioni del 2019 e non per il bene comune. Spesso il richiamo dello stesso Presidente rivolto ai leader religiosi sottolinea il degrado morale “Perché siamo diventati un popolo corrotto? Perché vengono uccisi gli albini? Perché ci stiamo odiando e invidiando l’un l’altro?” Mentre queste domande sono appropriate, è la mancanza di leadership da parte dello Stato a portare il Paese a diventare un “failed state” un Paese senza presente né futuro”.

“Il richiamo più importante – conclude la propria testimonianza il missionario – è allora la responsabilizzazione della gente che sola può diventare il fattore decisivo per un cambiamento positivo”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS