MATTARELLA: “SEGNALI DI RIAVVIO DELL’ECONOMIA, L’ITALIA STA RIPARTENDO” Il presidente della Repubblica ha scritto un messaggio a Confcommercio. "Il Paese prosegue con determinazione la strada delle riforme"

509
mattarella

“L’Italia sta gradualmente ripartendo, i segnali di riavvio dell’economia, seppur ancora contenuti e soggetti a incertezza, sono sostenuti dalla domanda interna, che evidenzia l’importanza dei consumi delle famiglie”. Lo ha scritto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio all’assemblea di Confcommercio.

“Specchio dell’evoluzione della società italiana, il vostro – ha affermato il capo dello Stato – è un mondo imprenditoriale variegato e vitale, impegnato in diversi ambiti della distribuzione e della produzione di servizi, un settore che contribuisce da decenni in modo decisivo alla formazione della ricchezza del Paese”. L’assemblea lì riunita, ha aggiunto, “rappresenta una realtà che ha subito perdite gravissime nel lungo periodo di crisi attraversato – il più duro dal secondo dopoguerra – e che è stata testimone di sacrifici straordinari da parte di imprenditori e dipendenti, senza tuttavia perdere la fiducia”. Le realtà rappresentate in Confcommercio “sono vettori significativi di innovazione e sviluppo: sono certo continuerete ad esprimere il vostro prezioso contributo al raggiungimento di questi obiettivi”.

Il Paese ha davanti “l’importante sfida di proseguire con determinazione un percorso di riforme che possa migliorare l’ambiente per fare impresa, semplificare le regole, favorire gli investimenti in infrastrutture, ricerca, innovazione e formazione, per dare slancio al sistema economico, valorizzare il contributo delle piccole e medie imprese, realizzando un progetto di crescita e ammodernamento del Paese”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS