AUSTRIA, E’ UFFICIALE: VAN DER BELLEN E’ IL NUOVO PRESIDENTE Norbert Hofer ha ammesso la sua confitta pubblicando un post su Facebook

984
van der bellen

E’ ufficiale, Alezander Van der Bellen è il nuovo presidente dell’Austria. Contrariamente a quanto annunciato da un portavoce del governo austriaco, che aveva annunciato che il risultato del voto sarebbe stato ufficializzato il prossimo mercoledì, è arrivata dal Ministero dell’Interno che le elezioni presidenziali nel Paese sono state vinte dal verde Van der Bellen.

Il “professore ecologista”, così come è stato soprannominato, a scrutinio ultimato, ha conquistato il 50,3% dei voti contro il 49,7% conquistato dal suo rivale, l’ultranazionalista Norbert Hofer. Lo scarto è di 31 mila voti, infatti per il vincitore hanno votato in 2 milioni e 254.484, mentre Hofer ha avuto 2 milioni e 223.458. A fare la differenza sono state le schede spedite per posta. Infatti nel risultato provvisorio di ieri sera, il vincitore era Hofer, ma l’exit poll degli 800.000 voti per corrispondenza hanno fatto la differenza per Va der Bellen.

 Per le elezioni in Austria “c’è certamente una preoccupazione politico-culturale che deriva dal fatto che l’Austria, comunque vada, sarà un paese politicamente diviso in due”. Lo dice il ministro Paolo Gentiloni all’arrivo al Consiglio esteri. Osservando che il voto, per quanto a elezione diretta, è per un “presidente non esecutivo” e quindi “non dobbiamo dare a queste elezioni un significato diverso da quello che hanno”, Gentiloni auspica che “la collaborazione con il governo austriaco sia mantenuta” come è stato finora, “sia pure a fasi alterne e purtroppo ogni tanto intervallata da dichiarazioni certamente inutili se non pericolose sul Brennero”. “Quindi – conclude – io confido che, quale che sia il risultato, la collaborazione con le autorità di governo austriache su un tema così delicato per l’Europa prosegua”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS