IL PONTEFICE A LESBO CON I MIGRANTI, ECCO IL PROGRAMMA DEL VIAGGIO Francesco visiterà il campo profughi di Moria e il presidio della guardia Costiera

621
  • English
migranti

Inizierà sabato 16 aprile, dall’aeroporto di Fiumicino, il viaggio di Papa Francesco a Lesbo, dove si recherà insieme “ai fratelli il Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo e l’Arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia Hieronymos, per esprimere vicinanza e solidarietà si ai profughi sia ai cittadini di Lesbo e a tutto il popolo greco tanto generoso nell’accoglienza”.

Il Santo Padre arriverà all’aeroporto di Mytilene, dove ad accoglierlo ci saranno il Primo Ministro ellenico, Alexis Tsipras e poi riceverà il benvenuto da parte di Sua Santità Bartolomeo I, Patriarca ecumenico di Costantinopoli, di Sua Beatitudine Hieronymos, Arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia, e subito dopo di Sua Eccellenza Monsignor Fragkiskos Papamanolis, presidente della Conferenza episcopale greca.

Dopo un incontro privato con Tsipras, che si svolgeràa Mytilene, Francesco si sposterà, accompagnato da Bartolomeo I e dall’arcivescovo Hieronymos, al campo rifugiati di Moria. Qui i tre leader religiosi terranno il loro discorso, proprio nel cortile dove i rifugiati vengono registrati. Dopo la firma di una dichiarazione congiunta, firmeranno una dichiarazione congiunta e si tratterranno a pranzo con alcuni rifugiati.

Successivamente il Pontefice si recherà al presidio della Guardia Costiera, dove è previsto un incontro con la cittadinanza e la comunità cattolica. Al termine del discorso di Francesco, i tre leader spirituali reciteranno insieme una preghiera per le vittime delle migrazioni. Solo dopo un incontro privato con l’arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia, con il Patriarca ecumenico ed infine con il Primo ministro ellenico, Francesco tornerà verso l’aeroporto di Mytilene, da dove partirà il suo viaggio di ritorno per l’Italia.

 

VISITA A LESBO, PER IL PROGRAMMA COMPLETO CLICCA QUI.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS