CINA, NOMINATO IL PRIMO COMMISSARIO ANTI-TERRORISMO NELLA STORIA DEL PAESE La nomina del funzionario rappresenta una risposta all'intensificarsi della minaccia terroristica, dopo gli attacchi di Parigi del mese scorso

454

Svolta storica in Cina, dove è stato nominato il primo commissario anti-terrorismo nella storia del Paese. Si tratta di Liu Yuejin, 56 anni, con un passato nel contrasto al traffico di droga e di assistente presso il ministero della Pubblica Sicurezza. La nomina del funzionario rappresenta una risposta all’intensificarsi della minaccia terroristica, dopo gli attacchi di Parigi del mese scorso. La Cina ha “rafforzato i pattugliamenti e le misure preventive in tutto il Paese per evitare che casi del genere accadano qui”, ha reso noto il Ministero della Pubblica Sicurezza.

Con l’avanzata dello Stato islamico, la Cina ha attribuito gli attacchi a influenze straniere, mentre per alcuni esperti si tratta di una reazione alle discriminazioni e ai controlli sulla culture e la religione degli uiguri. Negli assalti dei separatisti uiguri sono morte centinaia di civili. A settembre un attacco all’arma bianca in una miniera di carbone ad Aksu ha ucciso oltre 50 persone, secondo Radio Free Asia. Ma la risposta del governo è stata ugualmente brutale, secondo i critici. Ad aprile la polizia ha soffocato nel sangue una protesta nella cittadina uigura di Elishku, dove secondo gli abitanti centinaia di persone sono scomparse. I media di stato hanno parlato di “attacco terroristico”.

Liu è originario della provincia centrale cinese dello Henan, dove ha svolto sin dagli anni Ottanta, l’attività di contrasto al traffico di droga. Uno dei casi di più alto profilo che lo ha visto protagonista è stato l’omicidio nel 2012 di tredici marinai cinesi da parte di un signore della droga birmano, Naw Kham. Liu e’ stato a capo del team di investigatori cinesi inviati in Thailandia per risolvere il caso. Naw Kham e’ stato successivamente catturato e giustiziato in Cina, nel marzo 2013. Tra le cariche ricoperte dal funzionario, anche quelle di direttore dell’ufficio per gli affari generali del Ministero della Pubblica Sicurezza, e di direttore dell’Accademia della Polizia Armata del Popolo, il corpo paramilitare che si occupa della sicurezza interna.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS