Cristiani e musulmani uniti da Maria

552
  • English
  • Español

“Siamo fratelli”. Una frase pacificante, balsamo sulle ferite aperte dell’umanità, nei tempi dell’odio instillato dalla paura e dell’ostilità generata dal sospetto, nell’attuale clima di terrorismo internazionale. “Tra cristiani e musulmani siamo fratelli”, ha affermato Papa Francesco nella moschea di Koudoukou a Bangui. Ho pensato, in questi giorni di Avvento, che segno esemplare di questo essere fratelli e sorelle coi musulmani, è il comune credo verso la madre di Gesù! Nel mondo musulmano, infatti, è molto sentito il culto a Maria, unica donna che nel Corano viene chiamata per nome; i santuari mariani sono meta di pellegrinaggio di fedeli musulmani che a Lei chiedono grazie e rivolgono preghiere. In Egitto, in Siria, in Marocco e in altri Paesi, cristiani e musulmani coltivano questo comune amore per la Vergine. Straordinario, poi, è il segno di pace che avviene in Libano, dove cristiani e musulmani festeggiano insieme l’Annunciazione addirittura come festa nazionale.

L’incontro – trasmesso dalla televisione – è seguito da più di un milione e mezzo di persone. Paese lacerato in passato da una lunghissima guerra civile, il Libano è consapevole di quanto importante sia l’armonia tra i popoli e per questo le autorità politiche hanno stabilito che la giornata del 25 marzo si celebri come Festa Nazionale Islamico-cristiana. In questo anno giubilare, penso che la misericordia possa essere il filo rosso che tesse il nostro dialogo con l’Islam: sappiamo infatti che i musulmani aggiungono al nome di Dio, non appena lo pronunciano, il titolo di “clemente e misericordioso”: su questa realtà che ci unisce può basarsi un incontro autentico, una pace vera.

E, come scrive nella lettera per l’Avvento 2015, mons. Vincenzo Bertolone: “Se seguiremo le indicazioni della Mater misericordia avremo il cammino ben segnalato, anzi prenderemo davvero la scorciatoia per il paradiso, senza sbagliare, come gli abitanti di Babele, costruendosi “una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo”. Da diversi anni Babele incombe come metafora del nostro presente di donne e uomini della modernità. Innamorati di noi stessi, non ci accorgiamo che cambia vertiginosamente non soltanto la società, ma lo stesso letto del fiume, ossia mutano gli assunti di fondo, sui quali si reggeva la nostra società…”.
Cristiani e musulmani di buona volontà siano sostenuti da Maria, dal suo grembo fecondo di Misericordia, segno sorale di un’amicizia che può salvare il mondo.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

4 COMMENTS

  1. Grazie Anna
    Questo concetto occorre ribadirlo a quelle testo dure che non hanno capito un tubo e continuano a proibire presepi “per non offendere i musulmani “

  2. I musulmani non si offendono affatto ma certamente rimangono meravigliati tristemente dal nostro relativismo teologico e culturale …
    Buon Natale e
    grazie a te Giovanni!

  3. Bisognerebbe spiegarlo ai presidi e ai docenti delle scuole che vietano il Natale per non disturbare i musulmani e così facendo disturbano la maggioranza dei cristiani. Anche vescovi e preti ignoranti dovrebbero informarsi cosa dice il Corano su Maria e su Gesù. Sul mio sito ho scritto un articolo l’altro giorno proprio “Sull’ignoranza del Natale cristiano e l’Islam”. Buon Natale.

  4. “Ci vorrebbero libri per raccontare le produzioni pittoriche, le sculture, le musiche ispirate dal Natale di Gesù. Creazioni meravigliose che nei secoli hanno voluto rappresentare la Bellezza di Dio.” tratto dal tuo articolo che ho letto attentamente!
    Grazie, Gianfranco!

LEAVE A REPLY