PREMIER: MOU IN CRISI NERA, CHELSEA STESO DAL BOURNEMOUTH Ennesima sconfitta per i "Blues", a 3 punti dalla zona retrocessione. Il tecnico: "Dobbiamo arrivare tra le prime 6"

305
mourinho

Ennesima sconfitta per il Chlesea di Mourinho, ormai in crisi d’identità. “Non meritavamo di perdere e i nostri avversari, in un momento in cui pensavano solo a difendere, sono riusciti a segnare e c’e’ stato anche un chiaro errore dell’arbitro” ha detto lo Special One dopo lo stop interno con il Bournemouth. Mou se l’è presa col direttore di gara per un rigore non concesso sullo 0-0 per un fallo di mano ma ammette che “nel primo tempo non siamo stati abbastanza aggressivi. Nella ripresa, invece, siamo stati pericolosi molte volte con i cross dalla destra di Ivanovic. Loro hanno giocato in un modo che qualcuno direbbe intelligente, altri non corretto. Perdevano tempo, chiedevano l’intervento dei medici, bevevano acqua come se ci fosse un time-out da basket”.

Esaurito lo sfogo c’è però da guardare una classifica che vede il Chelsea ad appena 3 punti dalla zona retrocessione. “Sono ovviamente preoccupato ma non esiste alcuna possibilità che lotteremo per non retrocedere, non è questo il problema – ha assicurato – Il problema è che il nostro obiettivo è finire fra le prime quattro e prima di questa partita era realistico pensare che la nostra qualità ci avrebbe portato fuori da questa situazione ma forse ora dobbiamo pensare di arrivare fra le prime sei. E se i nostri giocatori non sono in grado di dare il massimo ogni giorno, allora è un problema”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS