Papa Francesco: “Religiose e consacrate continuino a lavorare coi poveri e gli emarginati”

In un videomessaggio l’intenzione di preghiera per il mese di febbraio del Santo Padre diffusa attraverso la Rete Mondiale di Preghiera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:58

In un videomessaggio l’intenzione di preghiera per il mese di febbraio di Papa Francesco, sul tema delle religiose e consacrate, diffusa attraverso la Rete Mondiale di Preghiera. “Preghiamo per le religiose e le consacrate, ringraziandole per la loro missione e il loro coraggio, affinché continuino a trovare nuove risposte di fronte alle sfide del nostro tempo”.

Il messaggio del Santo Padre

“Questo mese pregheremo in modo speciale per le donne religiose e le donne consacrate.
Che cosa sarebbe la Chiesa senza le religiose e le laiche consacrate? Non si può capire la
Chiesa senza di loro. Esorto tutte le consacrate a discernere e a scegliere ciò che è bene per la loro missione di fronte alle sfide del mondo che stiamo vivendo. Le esorto a continuare a lavorare e a operare con i poveri, con gli emarginati, con tutti coloro che sono schiavizzati dai trafficanti; in particolare, chiedo loro di concentrarsi su questo. E preghiamo affinché possano mostrare la bellezza dell’amore e della compassione di Dio come catechiste, teologhe, accompagnatrici spirituali. Le invito a lottare quando, in alcuni casi, vengono trattate ingiustamente, anche all’interno della Chiesa; quando il loro servizio, che è tanto grande, viene ridotto a servitù. E a volte da uomini di Chiesa. Non si scoraggino. Continuino a far conoscere la bontà di Dio attraverso le opere apostoliche che compiono. Ma soprattutto attraverso la testimonianza di consacrazione. Preghiamo per le religiose e le consacrate, ringraziandole per la loro missione e il loro coraggio, affinché continuino a trovare nuove risposte di fronte alle sfide del nostro tempo. Grazie per quello che siete, per ciò che fate e per come lo fate”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.