WORLD CUP: GLI AZZURRI VINCONO ANCORA, OLIMPIADI SEMPRE PIÙ VICINE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:16

Dopo oltre due ore e venti di gioco, la nazionale italiana di pallavolo ha avuto la meglio sull’Argentina, vincendo al tie-break per 3-2 (22-25 25-20 25-21 20-25 16-14) e può continuare ad inseguire il sogno della qualificazione olimpica. Gli azzurri per portare a casa la nona vittoria, su dieci gare, della loro World Cup, hanno dovuto fare ricorso a tante risorse fisiche, ma anche psicologiche. Dopo il successo netto e più che meritato con la Russia, l’Argentina di Julio Velasco era l’avversaria più temibile, considerando che i sudamericani erano dati per favoriti.

Il match è stato davvero combattuto: “Abbiamo vinto una gara durissima”, ha sottolineato Blengini aprendo la conferenza stampa. De Cecco e compagni hanno avuto una partenza eccellente, vincendo il primo set. Dopo un momentaneo pareggio, l’Italia si è rifatta sotto e si è portata avanti 2-1, grazie al suo gioco ordinato. Puntuale è arrivato il ritorno degli argentini: il tie-break è stato un continuo rincorrersi: tre ace di Juantorena hanno lanciato l’Italia, ma il sestetto guidato da Velasco ha rimontato con pazienza ed è arrivato per primo al match ball, che Juantorena ha annullato.

Con Massari in prima linea, Sottile ha messo a segno il punto del sorpasso, poi con un servizio simile ha messo ancora in difficoltà i sudamericani e il successivo attacco di Conte è stato murato dalle mani di Giannelli. un grande successo dunque, ottenuto grazie alle eccezionali prove in attacco di Juantorena (23 su 32 attacchi) e Zaytsev (23 su 38), alle grandi difese di Colaci e alla bravura ed il sangue freddo di Giannelli. Dopo dieci giornate l’Italia di Blengini ha nove vittorie, ma dovrà ottenere la decima e aspettare i risultati di oggi e di domani per capire se può “prenotare” l’aereo per le olimpiadi di Rio.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.