MERCOLEDÌ 10 AGOSTO 2016, 16:51, IN TERRIS

RIO 2016, MISENGA E' IL PRIMO RIFUGIATO A CONQUISTARE LA VITTORIA OLIMPICA

Superato il turno nella categoria 90 kg di Judo. Battuto l'indiano Avtar Singh

MATTIA SHERIDAN
RIO 2016, MISENGA E' IL PRIMO RIFUGIATO A CONQUISTARE LA VITTORIA OLIMPICA
RIO 2016, MISENGA E' IL PRIMO RIFUGIATO A CONQUISTARE LA VITTORIA OLIMPICA
I Giochi Olimpici di Rio 2016 passeranno alla storia anche grazie a Popole Misenga, atleta della squadra dei rifugiati che ha superato il turno nella categoria 90 kg di judo, diventando il primo atleta rifugiato ad ottenere una vittoria in una gara olimpica. Il ventiquattrenne africano, nato nella Repubblica Democratica del Congo, si è trasferito in Brasile da tempo. Lasciò la sua patria a causa del trattamento al quale veniva sottoposto all’interno della squadra nazionale di judo. "Il nostro allenatore era diventato pazzo, spendeva tutti i fondi federali con le prostitute e per bere alcool - ha dichiarato in una recente intervista ai media -. Ai Mondiali del 2013 siamo stati per tre giorni senza mangiare, è impossibile essere performanti in una condizione simile".

Quest'oggi ha battuto l’indiano Avtar Singh, mettendo a segno uno yuko che gli ha permesso di ottenere un inaspettato risultato. Misenga, di recente, è finito sui tabloid di mezzo mondo. Infatti, ha fatto sapere di essere indebitato e di avere due mesi di affitto in arretrato. "Ho paura di essere espulso, non saprei dove andare", aveva dichiarato alla testata belga "La Libre". “Anche noi rifugiati abbiamo diritto ad avere dei sogni, e nessuno può toglierceli. Io dimostrerò al mondo che, lavorando duramente, ci su può arrivare", aggiunse.

Quando aveva nove anni fu costretto a separarsi dalla sua famiglia e fuggire dai combattimenti in corso a Kisingani: fu ritrovato otto giorni dopo, nascosto in una foresta, e fu portato nella capitale Kinshasa in un centro per bambini sfollati. Lì iniziò a fare judo ma ogni volta che perdeva una gara il suo allenatore lo rinchiudeva in una gabbia per giorni, dandogli solo caffè e pane. A causa della guerra e delle condizioni in cui era costretto a vivere, Misenga chiese lo status di rifugiato e lo ottenne. Si trasferì in Brasile e da allora si allena nella scuola di judo fondata da Flavio Canto, un ex judoka vincitore di una medaglia di bronzo olimpica.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Theresa May
BREXIT

May, schiaffo dai Comuni: il Parlamento avrà il veto

Governo sconfitto sull'emendamento chiave: l'accordo con Bruxelles passerà dall'approvazione parlamentare
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo