MARTEDÌ 14 MAGGIO 2019, 23:31, IN TERRIS


SERIE A

Preziosi rompe gli indugi: il Genoa è in vendita

L'annuncio ufficiale della società, guidata dal patron dal 2003: mandato ad Assietta Spa per curare la cessione

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Enrico Preziosi
Enrico Preziosi
E'

arrivata l'ufficialità che, ormai, era nell'aria da un po': Enrico Preziosi ha ufficialmente messo in vendita il Genoa Calcio. Una notizia che arriva attesa ma, visto il momento, forse inaspettata considerando che i liguri sono ancora impegnati in una lotta per non retrocedere che, nell'ultima giornata, si è fatta estremamente più dura. Preziosi ha tuttavia deciso di non aspettare ulteriormente, rendendo noto di essersi rivolto ad Assietta Spa perché gestisca la transizione societaria, a beneficio di chi non è ancora chiaro. Il Genoa, attraverso un comunicato ha fatto sapere che " è stato conferito mandato ad Assietta S.p.A., Società di consulenza finanziaria specializzata in Corporate Finance, quale advisor per la cessione della Società. A supporto del processo di vendita, l’advisor verrà altresì affiancato da un soggetto avente profilo e network internazionali".


La contestazione

E' da alcune settimane che, in aperta contestazione con il presidente, una parte della tifoseria rossoblu sta disertando il Ferraris per le partite casalinghe del Genoa, ingaggiando una sorta di battaglia personale contro il patron, alla guida della società dal 2003. Di rimando, lo stesso Preziosi aveva fatto sapere che, per risolvere la situazione, era disponibile a farsi da parte e a cedere le redini del comando a un futuribile acquirente che, al momento, non ha ancora preso forma. L'annuncio della società mette di fatto alla luce del sole un progetto di vendita che ormai da qualche anno vede coinvolto Preziosi dal quale, a ora, non sono arrivate dichiarazioni ufficiali né indicazioni su quale sarà la base d'acquisto per rilevare la società ligure, in un periodo peraltro in cui il bilancio è tornato su standard sostanzialmente positivi.


Dalla C all'Europa

Certo è che con la vendita della società da parte di Preziosi si chiuderebbe di fatto un'era del Genoa, ormai di durata ultradecennale. Un'avventura iniziata con il Genoa appena retrocesso in C1 ma salvato dagli effetti del Caso Catania, salvo poi precipitare in terza serie nonostante la vittoria del campionato cadetto appena due anni dopo, per via di quello che diverrà noto come Caso Genoa (legato ai sospetti sul match disputato contro il Venezia nella stagione 2004-2005). Di lì in poi, una risalita pressoché costante: dalla C alla A in due anni, con promozione nella stagione 2006-2007 (assieme a Juventus e Napoli) e conquista di un posto in Europa League nel 2009. Ora, al termine di una stagione decisamente poco esaltante e ancora tutta da decidere, l'annuncio inatteso.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carcere di Acarigua, nella zona occidentale di Caraca
VENEZUELA

Amnesty: "Accertare cause di morte dei 30 detenuti"

"Esempio della violenza costante e dell’abbandono cui è sottomessa la popolazione carceraria"
Murale a Riace
EUROPEE

La Lega vince a Riace e Lampedusa

Salvini trionfa anche nei due luoghi del Meridione simbolo dell'accoglienza e degli sbarchi
Edoardo Rixi
EUROPEE

Rixi: "A M5s non è convenuto aggredirci"

Il viceministro leghista: "Rapporto di fiducia incrinato ma governo vada avanti"
Porto di Napoli
CAMPANIA

Appalti falsati al porto di Napoli: arresti

Sette ordinanze di custodia cautelare: 2 funzionari dell’Autorità portuale e 5 imprenditori
L'epicentro del sisma
CALABRIA

Terremoto magnitudo 3.8 tra Reggio e Vibo

La scossa è stata seguita 2 minuti dopo da una replica di magnitudo 2.3
Beppe Grillo al voto per le Europee
EUROPEE

Beppe Grillo: "Oggi Radio Maria e canti gregoriani"

Questo il tweet del comico dopo la disfatta 5Stelle