Santa Emma di Sassonia: ecco dove è conservata la sua mano destra e perché

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

Santa Emma di Sassonia, vedova m. 19/04/1040. E’ la sorella di Meinwerk, vescovo di Paderborn. Sposa molto giovane il conte Ludgero di Sassonia. Non hanno figli. Rimasta vedova dopo pochi anni di matrimonio, pur essendo bella e ricca decide di non passare a seconde nozze.

Rimane vedova agli inizi dell’XI secolo e per quarant’anni fa della sua difficile condizione una scelta non solo di perfezione spirituale, rinunciando alle cose terrene, ma uno strumento di bene per gli altri e soprattutto per i bisognosi. Utilizza l’imponente patrimonio ereditato per assistere i poveri e finanziare istituzioni benefiche.

Le sue spoglie mortali sono venerate nella cattedrale di Brema. Mentre nel monastero di San Ludgero a Werden, nella Ruhr, presso Dusseldorf, si conserva la sua mano destra incorrotta, emblema della sua grande capacità di donazione.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.