La storia di san Pietro Pascual: vescovo mercedario e martire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

San Pietro Pascual (Pascasio), vescovo mercedario e martire, nasce a Valencia (Spagna) nel 1227, muore a Granada (Spagna) nel 1300. Viene istruito da un sacerdote di Narbona, che i suoi genitori hanno riscattato dai mori.

Avvenimenti

  • Studia a Parigi insieme a San Bonaventura e a san Tommaso D’Aquino.
  • Entra nell’ordine mercerdario. Giacomo I d’Aragona lo sceglie come precettore del figlio Sancho.
  • E’ consacrato vescovo di Jaen. Percorre la Spagna e il Portogallo cercando di assistere e confortare i prigionieri cristiani.

Morte

Viene arrestato e condotto dal sultano di Granada. In un primo momento gli è lasciata una certa libertà. Gli viene inviato del denaro per il suo riscatto: lo devolve per liberare altri prigionieri che teme possano rinnegare la fede cristiana per riacquistare la libertà. In seguito, viste le numerose conversioni che compie, viene ucciso. E’ canonizzato nel 1670.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.