San Giacomo il minore: quali furono le sue ultime parole prima della morte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

San Giacomo il minore, Apostolo 7,5 ca.-Gerusalemme (Palestina), 62 ca. È figlio di Alfeo e della sorella della Madonna, quindi cugino di Gesù. È chiamato anche “il Giusto”. Insieme a Filippo è discepolo del Battista.

Avvenimenti

• A Gerusalemme, nel 50, presiede il primo concilio della Chiesa.

Dimostra grande equilibrio e comprensione verso i cristiani che provengono dal paganesimo; riguardo la circoncisione ritiene che le antiche prescrizioni non debbano essere imposte a coloro che si stanno accostando a Cristo.

Diviene capo della Chiesa di Gerusalemme alla morte di Giacomo il Maggiore.

• Ci lascia una lettera in cui ribadisce che la fede è sterile senza opere di carità e di giustizia.

• Riesce a convertire al cristianesimo molti ebrei ortodossi grazie alla santità della sua vita.

Morte

Secondo la tradizione, viene gettato dal pinnacolo del tempio e, mentre giace a terra, viene ucciso tramite lapidazione e con colpi di bastone. Le sue ultime parole sono le stesse di Gesù sulla croce: “Signore, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.