La paura di non sapersi più relazionare agli altri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30

Gentilissimo don Aldo,

la ringrazio per il suo quotidiano e per il servizio che svolge, soprattutto perché riporta notizie che difficilmente comparirebbero in altre testate. Ho avuto modo nei giorni scorsi di leggere l’interessantissimo articolo della professoressa Maria Malucelli, mi ha fatto molto riflettere.

Ho notato che mia figlia ultimamente ha come una sorta di timore di mettere anche solo un piede fuori casa. Le sue relazioni sono passate dalle passeggiate e le cene con gli amici, a videochiamate a qualsiasi ora del giorno e della notte, soprattutto nei fine settimana. E’ vero, ci sono regole che per il nostro bene ci invitano a evitare spostamenti non necessari, ma oramai nella mia regione sono ripresi anche alcune attività sportive all’aperto. Il problema è che non riesco a farla uscire neanche per portare il nostro cagnolino a fare una passeggiata.

Mi sembra che abbia sviluppato una sorta di paura che le fa credere che non sia più capace di relazionarsi agli altri. Può essere possibile? Come faccio per aiutare mia figlia? E’ vero, siamo ancora in pandemia, ma una ragazza di 15 anni non può passare la sua vita rinchiusa nella sua cameretta tra dad e videochiamate con gli amici.

Grazie per l’attenzione, Angela A.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.