LUNEDÌ 25 NOVEMBRE 2019, 18:36, IN TERRIS

DONNE CROCIFISSE

Le schiave del sesso non chiedono consolazione, ma libertà

Nella giornata della violenza contro le donne, don Aldo Buonaiuto invita i governanti colpevoli della tratta a chiedere perdono

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'intervento di Don Aldo Buonaiuto al Palazzo Arcivescovile di Monreale
L'intervento di Don Aldo Buonaiuto al Palazzo Arcivescovile di Monreale
N

on è un solo giorno di riflettori accesi sulla violenza contro le donne che può risolvere quella che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha definito “un’emergenza pubblica”, ma può certamente aiutare a riflettere, a trovare soluzioni e soprattutto a imprimere più coraggio a una donna che subisce maltrattamenti e che magari, in questo momento, ci sta leggendo, si sta informando: a te diciamo “non sei sola”. Non lo sei perché le istituzioni, la politica e le persone di buona volontà, come don Aldo Buonaiuto della comunità Papa Giovanni XXIII, su questo punto sono unite. Lo dimostrano le innumerevoli iniziative e progetti che proprio oggi sono stati illustrati e che tante associazioni cercano di portare avanti durante l’anno. 


Problemi e soluzioni

A Monreale, alla presenza dell'arcivescovo mons. Michele Pennisi, che ha introdotto la testimonianza di don Buonaiuto, si è voluto riflettere sugli strumenti di contrasto alla violenza sulle donne, dalle criticità ai progressi fatti fino all’approvazione del “codice rosso”, ma senza aver prima conosciuto le storie di queste donne violentate dalla vita. Sono le “donne crocifisse” raccontate nel libro di don Aldo, quelle donne raccolte dalla strada, trafitte dal dolore e aiutate a risorgere a nuova vita. E’ il testimone che gli ha lasciato don Oreste Benzi, l’apostolo della carità, l’uomo mai stanco di aiutare le sue “sorelline”: queste donne, spesso ragazze, ingannate e costrette a prostituirsi.


L'impegno della Comunità Papa Giovanni XXIII

Liberare dalla prostituzione coatta le schiave del racket è ormai diventato per la Comunità Papa Giovanni XXIII un impegno “costitutivo” come detto alcuni giorni fa dal presidente Giovanni Paolo Ramonda. Una testimonianza instancabile quella di don Buonaiuto, per le strade maledette delle nostre città e anche nei cosiddetti palazzi, dove cerca ascolto e soluzioni per le donne-schiave. E a chi propone le case chiuse, don Aldo risponde con una domanda: e se fosse sua figlia? Sua nipote o sua sorella? La prostituzione si sconfigge, combattendo i clienti che generano la domanda e che, come ha detto Papa Francesco si tratta di "un vizio schifoso, un atto criminale”. Coloro che vogliono riaprire i bordelli - chiarisce con forza don Aldo - o non conoscono il reale fenomeno della criminalità organizzata oppure sono in malafede. Ricordando quel che gli ripeteva spesso don Oreste Benzi, aggiunge che queste donne non hanno bisogno di consolazione ma di libertà: non può esserci la logica del male minore. 


L'appello di don Aldo Buonaiuto ai governanti: chiedete perdono

Da Monreale arriva poi l’appello di don Aldo, lo stesso fatto qualche giorno fa da Fabriano al sottosegretario del ministero dell’Interno, Carlo Sibilia, che in quell’occasione accolse: chiedere perdono. I governanti dei Paesi di partenza, transito e arrivo di queste giovani schiave, macchine da soldi per le mafie, devono chiedere loro perdono; e devono chiedere perdono tutti quei cristiani che hanno abusato di quelle ragazze ingannate e private della loro libertà. Ecco, questo è il sogno di don Aldo Buonaiuto, che condivide in ogni occasione e che si ostina a portare avanti: che tutti coloro che hanno contribuito direttamente o indirettamente a rendere schiave del sesso le donne, a volte ragazzine neanche maggiorenni, possano chiedere misericordia. Ma la richiesta del perdono - ricordiamolo - presuppone la consapevolezza del peccato, dell’abominio commesso ed è proprio su questa consapevolezza che bisogna ancora molto lavorare. Domani 26 novembre don Aldo continuerà la sua battaglia per la libertà delle schiave dei nostri tempi partecipando all’iniziativa della Cisl Lazio alle ore 15.00 presso l’Aula Magna del Presidio odontoiatrico G. Eastman.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migrante
AMERICA LATINA

Al via la campagna quaresimale della Fraternità 2020

Aiuto ai migranti, difesa della vita e riconciliazione nazionale i temi centrali
IMPRESE

Così l'Italia inventa vie d'uscita dalla crisi

Boom di brevetti industriali. Tre regioni creano il 60% delle innovazioni produttive di tutta Europa
SALUTE

L'intelligenza artificiale scopre un "super antibiotico"

E' stato chiamato "halicin" in omaggio al supercomputer Hal 9000 del film "2001: Odissea nello spazio"
MARE

Ecco perché le sardine si stanno rimpicciolendo

Fedagripesca-Confocoperative ha presentato la prima mappa delle anomalie nel Mediterraneo
Firenze
CORONAVIRUS

Primo caso a Firenze: l'uomo era tornato da Singapore

Positivi sia la turista di Bergamo in vacanza a Palermo, sia un medico italiano a Tenerife
Giuseppe Conte e Attilio Fontana
CORONAVIRUS

Conte: "Un ospedale non ha seguito il protocollo favorendo il contagio"

Fontana: "Quella del Premier è un'idea irricevibile e per certi versi offensiva"
Donald Trump all'arrivo in India
VISITA DI STATO

Trump in India: visita il Taj Mahal, Agra e Delhi

"L'America ama l'India, l'America rispetta l'India" ha detto il presidente Usa
Nel riquadro, Walter Ricciardi

"Abbiamo imparato dalla Sars: l'epidemia non deve diventare pandemia"

A Interris.it il consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi promuove lo stop vaticano agli eventi affollati in...
Mascherine in piazza San Pietro, Roma
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, la risposta del Vaticano all'epidemia

Dispenser igienizzanti e chiusura di luoghi affollati, ma l'udienza del Papa non salta. Messe a porte chiuse in Lombardia
DANNI ECONOMICI

"Recessione per effetto della pandemia"

Sos per le ricadute del coronavirus. Le rilevazioni sui consumi e sull'export

Germania, auto contro corteo di carnevale: ecco cosa è successo

La Polizia non ha riferito se si sia trattato di un incidente o di un atto premeditato
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, un'altra vittima in Lombardia

Stanno ritornando gli Italiani respinti alle Mauritius. Ricoverato un autista italiano in Francia
Il ministro dell'Interno del Governo di accordo nazionale libico, Fathi Bashagha
DOSSIER LIBICO

Libia, i contorni di un conflitto sempre più politico

I contrasti fra il governo e le milizie nell'area potrebbero favorire Haftar?
Coronavirus
L'EPIDEMIA

Coronavirus, il bilancio delle vittime in Italia

Lo ha riferito il capo della Protezione Civile: è un uomo di 88 anni. Volo Alitalia bloccato alle Mauritius
Julian Assange
LONDRA

Caso Assange, al via le udienze per l'estradizione negli Usa

Il fondatore di Wikileaks è inseguito da Washington fin dal 2010
Papa Francesco
QUARESIMA

"Chi crede alle menzogne del diavolo vive l'inferno sulla terra"

Il messaggio del Papa prepara i fedeli alla Pasqua sul tema: "Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con...