Via libera in Gran Bretagna al vaccino Oxford-AstraZeneca

Il vaccino Oxford-AstraZeneca è efficace al 90% con una dose e mezza. Il vaccino cinese Sinopharm è invece efficace al 79%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:41
Il vaccino Oxford-AstraZeneca

Via libera nel Regno Unito al vaccino Oxford-AstraZeneca. L’ok è arrivato dall’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA), come riferiscono i media locali. E’ il secondo vaccino ad essere approvato nell’isola dopo quello della Pfizer.

Vaccino Oxford-AstraZeneca sicuro al 90%

Il vaccino Oxford-AstraZeneca è “altamente efficace” nella prevenzione del Covid-19 secondo i risultati preliminari dei testi clinici condotti in Regno Unito e Brasile. In particolare, un tipo di dosaggio è risultato efficace al 90% e un altro al 62%: per questo la società farmaceutica ha calcolato una media di efficacia al 70%.

Nello specifico, AstraZeneca ha spiegato che due differenti tipologie di dosaggio hanno dimostrato efficacia diversa, con un regime migliore l’uno rispetto all’altro: al 90% il primo e al 62% il secondo.

Nessuna ospedalizzazione o caso severo di Covid-19 è stato registrato tra i partecipanti alla sperimentazione del vaccino AZD1222. I dati sono relativi alla sperimentazione in corso in Gran Bretagna e Brasile e dimostrano che il vaccino è “altamente efficace nel prevenire Covid-19”.

Il vaccino cinese Sinopharm efficace al 79%

Il vaccino anti-Covid sviluppato dalla società farmaceutica statale cinese Sinopharm è “efficace al 79,34%”: lo ha reso noto oggi l’Istituto di Pechino per i prodotti biologici controllato dalla stessa società.

Il vaccino sviluppato dalla statunitense Pfizer insieme alla tedesca BioNTech è efficace al 95%, mentre il vaccino di Moderna è efficace al 94%.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.