Ecco le nuove regole per l'interazione coi robot

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Dopo le leggi della robotica, si va nel dettaglio”. Lo assicura Marco Controzzi, dell'Istituto di Biorobotica e responsabile dell'Human-Robot Interaction Lab, presentando il primo studio al mondo sulle regole tese a rendere più semplice la convivenza fra uomo e automi. In pratica, si tratta di ottimizzare dei gesti naturali apparentemente semplici come il passare gli oggetti dalla mano dell'uomo a quella del robot, e viceversa

Gesti semplici

Il punto di partenza dei ricercatori è stato osservare il modo in cui si afferra un oggetto per porgerlo ad un'altra persona o ad un robot: solo in apparenza è un gesto semplice, ha osservato Valerio Ortenzi, dell'Arc e co-autore insieme a Controzzi della ricerca su Ansa. La novità, ha osservato, è che “finora nelle macchine non c'era questa conoscenza: il nostro è il primo studio del genere al mondo”. Per esempio, “quando passiamo un cacciavite sapendo che il nostro interlocutore lo dovrà utilizzare, lasciamo il manico libero in modo che egli possa afferrarlo e utilizzarlo facilmente”, ha osservato la prima autrice della ricerca, Francesca Cini, dell'Istituto di BioRobotica. “Non solo quindi – ha proseguito – cambiamo il tipo di presa, ma consideriamo come il nostro compagno dovrà utilizzare l'oggetto. Sono proprio queste informazioni che vogliamo trasmettere ai robot”.

“La robotica collaborativa – ha osservato Controzzi, coordinatore dello Studio – rappresenta la prossima frontiera della robotica sia industriale che domestica, ma perché si realizzi è necessaria una nuova generazione di robot pensati per interagire con l'uomo in modo naturale”. Questi risultati, ha concluso, “ci permetteranno di istruire i robot ad agire come un collaboratore umano attraverso l'introduzione di regole semplici, ma al contempo efficaci, nella manipolazione degli oggetti durante azioni congiunte con l'uomo”.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.