MERCOLEDÌ 17 OTTOBRE 2018, 17:00, IN TERRIS


CAMPAGNA PRO VITA

Polemiche contro la decisione della Raggi di rimuovere i manifesti

De Poli: "Che ne pensa il ministro della famiglia Fontana?"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha chiesto agli uffici competenti la rimozione dei "manifesti omofobi riconducibili all'assaciazione onlus Provita". La notizia è stata diffusa dal Capidoglio, sotttolineando che la rimozione avrebbe riguardato i cartelli che ritraggono due giovani che spingono un carrello con dentro un bambino disperato e la scritta: "Due uomini non fanno una madre. #StopUteroinAffitto". Per il Campidoglio "il messaggio e l'immagine veicolati dal certellone, mai autorizzato da Roma Capitale e dal Dipartimento di competenza, violano le prescrizioni previste al comma 2 dell'art. 12 bis del regolamento in materia di Pubbliche affissioni di Roma Capitale, che vieta espressamente esposizioni pubblicitarie dal contenuto lesivo del rispetto di diritti e libertà individuali". Inoltre, la sindaca della Capitale ha sottolineato che "la strumentalizzazione di un bambino e di una coppia omosessuale nell'immagine del manifesto offendono tutti i cittadini". 


De Poli: "Cosa ne pensa Fontana"

La decisione della Raggi ha innescato diverse polemiche. Il senatore e presidente Udc, Antonio De Poli, in un post su Facebook ha scritto: "Il sindaco di Torino Appendino dichiara che per lei due donne insieme sono famiglia. Il sindaco di Roma Raggi fa rimuovere i manifesti della campagna di Pro Vita e Family Day contro l'utero in affitto. Cosa ne pensa il governo? Cosa ne pensa il ministro della famiglia Fontana? Me lo chiedo perché il linguaggio della censura è grave in democrazia". 

Il senatore, inoltre, parlando dei manifesti concorda che si tratta di "un'immagine terribile, ma questa è la realtà della pratica orribile dell'utero in affitto: si mercifica il corpo della donna e si considera il bambino come un oggetto che si può 'comprare'. La vita per noi ha un valore ben più alto: i bambini hanno diritto a una mamma e a un papà". 


Rizzotti: "Cirinnà ordina e Raggi toglie"

La decisione di far rimuovere i manifesti non è piaciuta neanche alla senatrice di Forza Italia e vicepresidente del gruppo al Senato, Maria Rizzotti, che in una nota ha scritto: "La Cirinnà ieri ha 'ordinato' al sindaco Raggi di rimuovere i manifesti delle associazioni del Family Day che difendevano la famiglia e la procreazione naturale, difendevano i diritti dei bambini. E la Raggi, attivissima e efficiente sindaco di una capitale morente, ha subito eseguito con la risibile motivazione che si tratta di un messaggio omofobo lesivio del rispetto dei diritti e libertà individuali. Nulla di tutto questo - ha aggiunto la senatrice - si tratta invece di un gesto ideologico e intollerante che impedisce a chi non la pensa come il sindaco e la Cirinnà di esprimere le proprie idee e convinzioni che peraltro sono quelle della strgrande maggioranza dei cittadini". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BERGAMO

Due fratelli muoiono durante un bagno nel lago d’Iseo

Non sapevano nuotare, per i carabinieri potrebbe averli inghiottiti una buca sott’acqua. Cinque morti in due giorni
TOSCANA

Ecco gli eredi di giullari e menestrelli

Un festival dedicato ai poeti ambulanti e al repertorio dei cantastorie
MIGRANTI

Open Arms, la polizia nella sede della Guardia Costiera

Ieri l'appello del presidente dell'Europarlamento, David Sassoli, affinché l'Italia consenta lo sbarco

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
Peter Fonda in Easy Rider
CINEMA

E' morto Peter Fonda, la star di Easy Rider

L'attore, figlio del grande Henry, aveva 79 anni. Con il film capolavoro del 1969 segnò un'intera generazione
PARIGI

Ricostruire Notre-Dame per far rinascere la fede

Messaggio di papa Francesco alla diocesi di Parigi impegnata a riportare al suo antico splendore la cattedrale gravemente...
Felice Gimondi
CICLISMO

Addio a Felice Gimondi, il campione che battè il Cannibale

L'ex ciclista colto da un infarto in Sicilia. Con l'amico-rivale Eddy Merckx segnò un'epopea di duelli...
ROMA

Un secolo e mezzo al servizio dell’infanzia

Il 20 novembre a Roma la serata per i 150 anni del Bambino Gesù. L’evento di solidarietà condotto da Amadeus...