MERCOLEDÌ 17 OTTOBRE 2018, 17:00, IN TERRIS


CAMPAGNA PRO VITA

Polemiche contro la decisione della Raggi di rimuovere i manifesti

De Poli: "Che ne pensa il ministro della famiglia Fontana?"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha chiesto agli uffici competenti la rimozione dei "manifesti omofobi riconducibili all'assaciazione onlus Provita". La notizia è stata diffusa dal Capidoglio, sotttolineando che la rimozione avrebbe riguardato i cartelli che ritraggono due giovani che spingono un carrello con dentro un bambino disperato e la scritta: "Due uomini non fanno una madre. #StopUteroinAffitto". Per il Campidoglio "il messaggio e l'immagine veicolati dal certellone, mai autorizzato da Roma Capitale e dal Dipartimento di competenza, violano le prescrizioni previste al comma 2 dell'art. 12 bis del regolamento in materia di Pubbliche affissioni di Roma Capitale, che vieta espressamente esposizioni pubblicitarie dal contenuto lesivo del rispetto di diritti e libertà individuali". Inoltre, la sindaca della Capitale ha sottolineato che "la strumentalizzazione di un bambino e di una coppia omosessuale nell'immagine del manifesto offendono tutti i cittadini". 


De Poli: "Cosa ne pensa Fontana"

La decisione della Raggi ha innescato diverse polemiche. Il senatore e presidente Udc, Antonio De Poli, in un post su Facebook ha scritto: "Il sindaco di Torino Appendino dichiara che per lei due donne insieme sono famiglia. Il sindaco di Roma Raggi fa rimuovere i manifesti della campagna di Pro Vita e Family Day contro l'utero in affitto. Cosa ne pensa il governo? Cosa ne pensa il ministro della famiglia Fontana? Me lo chiedo perché il linguaggio della censura è grave in democrazia". 

Il senatore, inoltre, parlando dei manifesti concorda che si tratta di "un'immagine terribile, ma questa è la realtà della pratica orribile dell'utero in affitto: si mercifica il corpo della donna e si considera il bambino come un oggetto che si può 'comprare'. La vita per noi ha un valore ben più alto: i bambini hanno diritto a una mamma e a un papà". 


Rizzotti: "Cirinnà ordina e Raggi toglie"

La decisione di far rimuovere i manifesti non è piaciuta neanche alla senatrice di Forza Italia e vicepresidente del gruppo al Senato, Maria Rizzotti, che in una nota ha scritto: "La Cirinnà ieri ha 'ordinato' al sindaco Raggi di rimuovere i manifesti delle associazioni del Family Day che difendevano la famiglia e la procreazione naturale, difendevano i diritti dei bambini. E la Raggi, attivissima e efficiente sindaco di una capitale morente, ha subito eseguito con la risibile motivazione che si tratta di un messaggio omofobo lesivio del rispetto dei diritti e libertà individuali. Nulla di tutto questo - ha aggiunto la senatrice - si tratta invece di un gesto ideologico e intollerante che impedisce a chi non la pensa come il sindaco e la Cirinnà di esprimere le proprie idee e convinzioni che peraltro sono quelle della strgrande maggioranza dei cittadini". 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
FILMOTECA VATICANA

La settima arte all’ombra del Cupolone

Settanta anni di cinema sulla Cattedra di Pietro. Il racconto inedito della fede in celluloide
Il Servo di Dio, Giulio Salvadori, verso la beatificazione
MAESTRO DI SPIRITUALITÀ

130 anni fa il letterato Giulio Salvadori tornò alla fede

Uomo del dialogo e cultore dell'incontro, ebbe come allievi alla Cattolica il cardinale Colombo e Fanfani
Alberto Sordi - Nando Moriconi in una scena del film
FALSI MITI

L'esterofilia nel calendario

Boom di nomi esotici e feste che non hanno radici nella cultura italiana
Ex Ilva al capolinea?
TARANTO

Ex Ilva: cancellato lo "scudo penale"

Mons. Santoro: "No al licenziamento di 5mila persone, la politica intervenga"
Marco Simoncelli
MOTOCICLISMO

Marco Simoncelli: a 8 anni dalla morte il mito continua

Il ricordo del Sic, scomparso il 23 ottobre 2011, resta indelebile grazie a papà Paolo
La vittima, Angela Stefani e l'ex compagno, Vincenzo Caradonna
SALEMI | TRAPANI

Morte di Angela Stefani: arrestato l'ex compagno

L'uomo è accusato di omicidio volontario e distruzione e occultamento di cadavere
Fabbrica tessile
ACLI - UNIONCAMERE

Potenziato l'Osservatorio dei mestieri

Ha l’obiettivo di analizzare l’andamento dei "mestieri popolari" valutandone le prospettive...
La sede bolognese della Bio-on
OPREZIONE

Tsunami Bio-on: arrestato manager e sequestrati 150 milioni

A rischio centinaia di posti lavoro negli stabilimenti di Bologna, Bentivoglio, Minerbio e Castel San Pietro
Il Villaggio della Gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII a Forlì
CESENA

Ecco il Villaggio della Gioia sognato da don Benzi

"Se offri a una persona la possibilità di vivere diversamente, può essere che cambi"
Pos

Contante? Si coglie nel segno

La polemica sulle misure per limitare l’uso del contante è difficile da capire. Premesso che nel...
Mondo di mezzo
MONDO DI MEZZO

La Cassazione ha deciso: non fu Mafia Capitale

Con la sentenza dei giudici della Corte Suprema decade l'aggravante del 416 bis
L'ambulanza ha terminato la sua corsa contro un muro
PAURA IN NORVEGIA

Oslo, ruba un'ambulanza e si lancia sulla folla

Cinque feriti, tra i quali due gemellini di sette mesi. Fermati un uomo e una donna: sospetti sugli ambienti di estrema destra