GIOVEDÌ 27 AGOSTO 2015, 003:45, IN TERRIS

CENSIMENTO SULLE RELIGIONI IN INDIA: I MUSULMANI CRESCONO PIU' DEGLI INDU

Nonostante i numerosi attacchi contro le loro comunità, anche il numero dei cristiani non arretra

AUTORE OSPITE
CENSIMENTO SULLE RELIGIONI IN INDIA: I MUSULMANI CRESCONO PIU' DEGLI INDU
CENSIMENTO SULLE RELIGIONI IN INDIA: I MUSULMANI CRESCONO PIU' DEGLI INDU
Per la prima volta, il tasso di crescita della comunità musulmana dell’India scavalca quella degli indù. Ma il dato più significativo è che l’incremento dei fedeli cristiani non arretra rispetto alle altre due confessioni, nonostante i numerosi attacchi contro le comunità. Lo rivelano i dati del censimento 2011 sulle comunità religiose pubblicati ieri dal Registrar General of India. Durante il periodo preso in esame (tra il 2001 e il 2011), i fedeli islamici sono aumentati dello 0,8%, passando da 138 milioni a 172,2 milioni. La comunità indù invece si ferma allo 0,7% di crescita, con 966,3 milioni di seguaci. La crescita dei cristiani si assesta al 15,5%.

Maggiore Paese indù al mondo, per la prima volta in India la popolazione induista scende sotto il tetto dell’80% sul totale dei fedeli, attestandosi ad una percentuale di 79,8 punti su 1,211 miliardi di persone; i musulmani invece salgono a livello nazionale dal 13,43% al 14,23%. A livello statale, nei cinque Stati a maggiore rappresentanza musulmana (Maharashtra, Gujarat, Rajasthan, Madhya Pradesh e Uttar Pradesh) la crescita media dei fedeli islamici è ben al di sopra di quelli indù: supera ovunque il 24%.

Per quanto riguarda le altre religioni, i fedeli cristiani compongono il 2,3% della popolazione totale (27,8 milioni); i sikh l’1,7% (20,8 milioni); i buddisti sono lo 0,7% (8,4) milioni; i giainisti sono lo 0,4% del totale (4,5 milioni); 7,9 milioni di persone hanno altre appartenenze religiose e 2,9 milioni non sono credenti.

I dati riportano che durante il decennio non ci sono stati sostanziali cambiamenti nella proporzione tra cristiani e giainisti, mentre i sikh sono diminuiti dello 0,2% e i buddisti dello 0,1%. Significativo invece il tasso di crescita medio della comunità cristiana (15,5%), che supera nello stesso periodo quello dei musulmani e si avvicina al totale della crescita degli indù (16,8%), nonostante i molteplici casi di persecuzione nei confronti dei fedeli e i numerosi attacchi alle chiese commessi da radicali indù.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau