Sacerdote regala 1000 euro a 6 donne per non abortire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Regala 1000 euro alle donne che decidono di non abortire. E' la lodeole iniziativa, incoraggiata anche da Papa Francesco, di Don Marco Scattolon della parrocchia di Rustega, in provincia di Padova. Il sacerdote ha regalato 1000 euro, al momento della nascita del figlio, a sei donne che avevano inizialmente scelto di abortire a causa delle tante difficoltà anche economiche da affrontare durante e dopo la gravidanza.

“Luminoso esempio”

L'iniziativa ha colpito anche il Papa ed il Vaticano. A don Marco è infatti giunta una missiva di incoraggiamento firmata dal nunzio apostolico in Italia e a San Marino, Emil Paul Tscherrig.

“Il suo è un luminoso esempio, più loquace di mille prediche ed insegnamenti cattedratici, dell’immenso valore della vita umana e del sostegno che ad essa dobbiamo riservare ad ogni costo», scrive il nunzio. “E’ meraviglioso constatare che i risparmi di un ecclesiastico siano riconsegnati al “tesoro” di Dio, che è ogni uomo vivente, soprattutto colui che è più indifeso e nel bisogno”. Alla fine della lettera, il saluto del Papa: “Anche a nome del Santo Padre Francesco, le rinnovo autentica riconoscenza ed invoco copiosa la benedizione del Signore”.

“Non avrei voluto rendere nota la lettera – commmenta don Marco su Aleteia – perché sono già stato esposto abbastanza ricevendo approvazioni e critiche. C’è chi ritiene che il bene si deve fare senza pubblicità: è vero, ma quella ragazza del comune vicino non sarebbe venuta a chiedermi aiuto dieci giorni fa se non avesse saputo che qui c’era un consiglio e un aiuto anche per lei. E neppure quel papà senza latte in polvere per la sua creatura di due mesi”. “Certamente – conclude – ho apprezzato leggere queste righe, anche se il Papa ha di sicuro cose ben più importanti a cui pensare”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.