Zelensky: “I militari e i comandanti russi devono essere processati per crimini di guerra”

L'intervento del capo di Stato ucraino nel corso del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite sull'Ucraina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:07
Kiev 01/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: Volodymyr Zelensky ONLY ITALY

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky è intervenuto, in video, durante il Consiglio di sicurezza dell’Onu sulla guerra che da più di mese va avanti nel suo Paese. Il capo di Stato ha affermato che l’eccidio di civili avvenuto a Bucha, le fosse comuni piene di cadaveri nella città dell’oblast di Kiev che era finita in mano ai soldati russi, è “solo uno degli esempi dei crimini di guerra russi” e ha chiesto al Consiglio di rimuovere la Russia, per evitare che ponga il veto sulle risoluzioni contro “le sue aggressioni”. Prima del discorso di Zelensky, il capo degli affari politici delle Nazioni Unite Rosemary DiCarlo aveva detto che “le molte accuse credibili di gravi violazioni del diritto umanitario internazionale provenienti dalle aree recentemente sottratte alle forze russe non devono restare senza risposta”, aggiungendo che ci sono “denunce di violenza sessuale da parte delle forze ucraine e delle milizie della protezione civile” di Kiev”, precisando che la missione di monitoraggio dei diritti umani dell’Onu in Ucraina le sta verificando.

Zelensky: “La Russia porta avanti azioni terroristiche”

La Russia porta avanti azioni terroristiche e sta commettendo i peggiori crimini di guerra, ha detto Zelensky parlando al Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite. Le azioni dei soldati russi in Ucraina non sono diverse da quelle di “organizzazioni terroristiche come l’Isis“, ha aggiunto, accusando Mosca di “distruggere sistematicamente ogni diversità etnica e religiosa“. Alcune delle vittime, ha continuato il leader ucraino, “sono state fucilate per le strade, altre sono state gettate nei pozzi. Sono state uccise nei loro appartamenti, le loro case fatte saltare in aria dalle granate”. Il mondo ha visto quanto accaduto a Bucha ma Bucha è “solo uno degli esempi dei crimini di guerra russi” in Ucraina, ha proseguito. “I militari russi e i loro comandanti devono essere processati per crimini di guerra”, ha detto Zelensky proponendo un tribunale sul modello di Norimberga.

“Dove sono le garanzie che deve dare l’Onu? Dov’è la pace che il Consiglio di sicurezza deve costruire?”, ha detto il presidente ucraino parlando al Consiglio di sicurezza dell’Onu. “Il proposito di questa organizzazione è garantire la pace”, ha sottolineato. Zelensky ha anche chiesto al Consiglio di “rimuovere la Russia” così che non possa “mettere il veto” sulle risoluzioni contro “le sue aggressioni”.

Gravi violazioni

L’Onu ha ricevuto “accuse credibili” sull’uso da parte della Russia di “munizioni a grappolo nelle aree popolate almeno 24 volte”, ha detto il capo degli affari politici delle Nazioni Unite DiCarlo, precisando che “accuse che anche le forze ucraine hanno usato tali armi sono oggetto di indagine”. “Le molte accuse credibili di gravi violazioni del diritto umanitario internazionale provenienti dalle aree recentemente sottratte alle forze russe non devono restare senza risposta” – ha proseguito DiCarlo – “sosteniamo gli sforzi per esaminare queste accuse e raccogliere prove. Garantire responsabilità e giustizia per gli atti commessi durante la guerra non sarà facile, ma è essenziale”. Inoltre, “sebbene sia stata segnalata una riduzione delle truppe russe e degli attacchi intorno a Kiev e Chernihiv, tali mosse non dovrebbero essere semplici forze tattiche e di riposizionamento per rinnovati attacchi alle città ucraine“. “Ci sono denunce di violenza sessuale da parte delle forze ucraine e delle milizie della protezione civile” di Kiev, ha poi dichiarato il capo degli affari politici delle Nazioni Unite, precisando che la missione di monitoraggio dei diritti umani dell’Onu in Ucraina sta verificando queste accuse.

Lunga strada

“Ieri a Mosca ho avuto lunghi e franchi colloqui con il ministro degli Esteri Sergei Lavrov e il suo vice, Sergei Vershinin, e separatamente con il vice ministro della Difesa. Sono uscito da questi incontri credendo che abbiamo una lunga strada davanti a noi, ma deve essere percorsa e la percorreremo. Domani spero di recarmi in Ucraina per condurre discussioni con le alte autorità del governo di Kiev e per vedere in prima persona la risposta umanitaria”, ha detto il capo degli affari umanitari dell’Onu Martin Griffiths alla riunione del Consiglio di Sicurezza sull’Ucraina. Griffiths ha sottolineato che nei suoi incontri a Mosca ha “discusso anche di convogli umanitari, tra cui i quattro che hanno già potuto muoversi. Ho delineato possibilità di costruire su questa cooperazione, condividendo suggerimenti specifici per congelamenti delle azioni militari concordati per consentire l’evacuazione dei civili e per il passaggio sicuro degli aiuti salvavita. Le mie controparti hanno assicurato l’intenzione di studiare attentamente queste idee a abbiamo deciso di rimanere in stretto contatto”. “I civili ucraini stanno pagando un prezzo troppo alto per la guerra. Nelle ultime sei settimane almeno 1.430 persone sono state uccise, tra cui 121 bambini“, ha aggiunto Griffiths. “E sappiamo che il numero probabilmente è gravemente sottostimato. Quasi 11 milioni sono stati costretti ad abbandonare le proprie case, di cui oltre 4,2 milioni sono ora rifugiati nei paesi limitrofi e oltre. In totale, più di un quarto della popolazione è fuggita“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.