Ucraina, tre vittime in un attacco russo su Bakhmut e cinque morti a Kropyvnytskyi

In un raid missilistico russo sul distretto di Vyshgorod, nella regione di Kiev, sono rimaste ferite quindici persone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:55
Mariupol 17/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: Metro ONLY ITALY

La guerra in Ucraina giunge al 155° giorno e si allunga il numero di vittime civili nel conflitto cominciato nella notte tra il 23 e il 24 febbraio scorso, quando le truppe russe sono entrate nel Paese.

Bakhmut

I russi hanno bombardato in serata Bakhmut, nella regione di Donetsk, provocando la morte di tre persone e il ferimento di altre 3. Lo fa sapere il capo della regione di Donetsk Pavlo Kyrylenko su Telegram, come riportano i media ucraini. “Si sa già di almeno tre morti e tre feriti. Danneggiati 6 condomini e 6 case private”, afferma Kyrylenko

Esplosioni a Mykolaiv

Esplosioni hanno scosso in serata la città di Mykolaiv nell’Ucraina meridionale. Lo ha riferito il sindaco della città Oleksandr Sienkevych, riporta Ukrinform. Ore prima le truppe russe hanno lanciato un attacco missilistico su Mykolaiv, danneggiando l’edificio della Università nazionale della costruzione navale, due condomini e una scuola.

Cinque vittime

E’ di almeno cinque morti e 25 feriti il bilancio di un attacco russo a Kropyvnytskyi, nell’Ucraina centrale, ha annunciato il governatore della regione di Kirovgrad Andrii Raikovitch. “Due capannoni sono stati colpiti. Finora, 25 persone sono state portate in strutture mediche per essere curate. Cinque persone sono morte”, ha precisato il governatore.

Toretsk

Almeno due persone sono state uccise oggi nella città di Toretsk nel Donetsk, nell’Ucraina orientale, a causa del crollo di un edificio di cinque piani a seguito di un attacco missilistico russo. “Oggi i soccorritori della guarnigione di Toretsk, durante le operazioni di soccorso hanno scoperto ed estratto i corpi di due persone, un uomo e una donna”, ha precisato il servizio di emergenza statale dell’Ucraina.

Karkhiv

Abbiamo nove distretti in città e tutti vengono bombardati con intensità e tempi diversi. Si è al sicuro nei rifugi e nella metropolitana. Ma non c’è nessun quartiere, nessun luogo della città, che si possa affermare sia totalmente sicuro”, ha affermato il sindaco di Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, Igor Terekhov. Alla fine di marzo, quasi un terzo dei residenti di Kharkiv ha lasciato la città, rifugiandosi in paesi e città più a ovest. All’inizio di maggio c’è stata una breve tregua, quando le forze russe si sono ritirate verso il confine. Circa 2mila persone al giorno sono tornate in treno, le piccole imprese hanno riaperto e i residenti assediati sono usciti dalle stazioni della metropolitana. Ma i bombardamenti sono ripresi rapidamente, mandando in frantumi ogni speranza di ritorno alla normalità prebellica. La scorsa settimana una raffica di bombardamenti ha ucciso tre persone, tra cui un ragazzino di 13 anni, aggiungendosi a un bilancio che secondo Terekhov è di “molte centinaia”, anche se non vuole fornire una cifra precisa. La guerra ha anche distrutto il 30% delle case e degli appartamenti della città, ha detto Terekhov, lasciando ben 150.000 persone senza casa. “Ma noi speriamo in una vittoria dell’Ucraina il più presto possibile, e dopo ci sarà una nuova dinamica a Kharkiv e in Ucraina”, ha detto. “Costruiremo una nuova città e un nuovo Paese”.

Attacco missilistico

“Quindici persone sono rimaste ferite in un attacco missilistico russo avvenuto questa mattina sul distretto di Vyshgorod“, nella regione di Kiev, ha riferito il capo della polizia della regione di Kiev Andriy Nebytov. Lo riporta Ukrinform. Nessuna vittima invece in un altro raid russo nella zona forestale del distretto di Vyshgorod. Complessivamente l’esercito russo ha lanciato oggi cinque missili sul distretto di Vyshgorod, mentre altri due sono stati abbattuti dalle forze di difesa aerea ucraine.

Notizia in aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.