Tragedia a Pasquetta, bambino di sei anni perde la vita

E' successo ad Olevano Romano, in provincia di Roma. Il piccolo ha avuto un incidente con un quad, guidato da un'amica di famiglia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:50

Una Pasquetta finita in dramma ad Olevano Romano, in provincia di Roma. Un bambino di sei anni è morto dopo che il quad sul quale viaggiava, guidato da una giovane donna di 26 anni, amica di famiglia, si è improvvisamente ribaltato in una stradina vicino l’abitazione del piccolo. La 26enne ha riportato alcune ferite nell’incidente ed è stata trasportata all’ospedale di Colleferro. La salma del bambino è stata portata al policlinico di Tor Vergata per l’esame autoptico.

Cos’è successo

La vicenda si è svolta nel pomeriggio nella zona di contrada Colle Conchi, in una strada sterrata. Dopo il pranzo di Pasquetta, il piccolo è salito a bordo del mezzo insieme alla giovane donna. Poco dopo sarebbe avvenuto l’incidente: la 26enne avrebbe perso il controllo del mezzo, che si sarebbe ribaltato sulla strada di campagna. I genitori sono accorsi e hanno allertato il 118 ma per il bambino non c’è stato nulla da fare. La donna che guidava la moto è stata trasportata in codice rosso all’ospedale di Colleferro e nell’incidente avrebbe riportato alcune ferite ma non è in pericolo di vita.

Le indagini

Sul caso i pubblici ministeri di Tivoli apriranno un fascicolo d’indagine, intanto i carabinieri hanno trasmesso già una prima informativa e l’ipotesi di reato è di omicidio colposo. Il mezzo è stato posto sotto sequestro dagli inquirenti e nelle prossime ore verrà analizzato per cercare ulteriori elementi che possano chiarire la dinamica di quanto avvenuto. La salma del bambino è stata trasportata al policlinico Tor Vergata, dove verrà effettuata l’autopsia per accertare le cause del decesso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.