Popolare di Bari, sequestrati 16 milioni di beni ai dirigenti

Gianluca Jacobini, ex codirettore di BpB, Giuseppe Marella e Nicola Loperfido, responsabili dell'Internal Audit sono accusati di ostacolo alla vigilanza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:46
Banca Popolare di Bari

Sequestro di beni per 16 mln nei confronti di Gianluca Jacobini, ex codirettore di Banca popolare di Bari, Giuseppe Marella e Nicola Loperfido, responsabili dell’Internal Audit e della Direzione Business dell’Istituto commissariato nel dicembre 2019 da Bankitalia. I tre sono accusati di ostacolo alla vigilanza; il solo Jacobini è indagato anche di false comunicazioni sociali. BpB è indagata per la responsabilità amministrativa dell’ente. I soli Jacobini e Marella sono indagati anche nell’inchiesta per falso in bilancio e falso in prospetto che il 31 gennaio scorso portò all’arresto degli ex amministratori della banca, tra i quali Gianluca Jacobini e suo padre Marco, ex presidente, entrambi tuttora agli arresti domiciliari.

Le indagini

Stando alle indagini della Guardia di Finanza, coordinate dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dai sostituti Savina Toscani e Federico Perrone Capano, gli indagati avrebbero concesso finanziamenti ad alcuni clienti della banca, prevalentemente grossi gruppi imprenditoriali, “direttamente o indirettamente utilizzati per l’acquisto di azioni proprie, complessivamente incidenti sui fondi propri della banca, in negativo, per 48,9 milioni di euro”. “Nel bilancio e nel patrimonio di vigilanza, che garantisce la solidità della banca, non avrebbero però – secondo l’accusa – dovuto inserire il valore di queste azioni perché, semplificando, non si tratta di soldi nuovi ma di fondi della banca stessa. Invece lo avrebbero fatto, nascondendolo a Bankitalia e cioè comunicando, per il quarto trimestre del 2015, un ammontare dei fondi della Popolare di Bari non corrispondente al vero” e “sovrastimato“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.