Nuovi casi, lo spettro della meningite fa paura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:02

Un uomo di 41 anni, di Udine, è morto ieri a causa di una gravissima infezione batterica estesasi in poche ore a tutto il corpo. E’ l’ennesimo caso in cui torna il sospetto di meningite. L’uomo era stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale del capoluogo friulano dove è morto nel pomeriggio di ieri in seguito a una setticemia. Oggi le analisi hanno scongiurato l’ipotesi della meningite, ma la paura rimane. “Gli accertamenti lo escludono – sostiene il direttore della Clinica di malattie infettive dell’Ospedale di Udine Matteo Bassetti, dove l’uomo era stato portato -. Quel che sappiamo è che è deceduto a seguito di una setticemia da pneumococco, pertanto non trasmissibile ad altri e non contagiosa.

La paura rimane, dicevamo. Infatti proprio per una meningite (di tipo C) è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze un bambino di 4 anni di Cascina (Pisa), vaccinato dal 2013. Il piccolo per fortuna sta rispondendo alle terapie. L’Asl Toscana Nord Ovest sta contattando tutti genitori e bambini che hanno avuto contatti con il bimbo.

Già lo scorso mese di novembre era stato ricoverato al Meyer anche un bambino di 8 anni di Livorno, anche lui colpito da meningite di tipo C, era stato vaccinato nel 2009. Un aspetto quest’ultimo preso in considerazione, “con una qualche preoccupazione”, anche dall’infettivologo pisano Francesco Menichetti, primario del reparto di Malattie infettive dell’Azienda ospedaliero universitaria: “Quest’ultimo caso di meningite di tipo C deve farci riflettere sull’efficacia di questo vaccino e sulla necessità di sviluppare uno studio più approfondito sui portatori sani rinofaringei”.

Nel Nel pomeriggio altra notizia: un caso di meningite virale è stato accertato all’ospedale “Chiello” di Piazza Armerina, in provincia di Enna. Venerdì scorso un uomo di 33 anni si è presentato all’ospedale con forte cefalea e rigidità muscolare. Il paziente, dopo essere stato sottoposto agli accertamenti che hanno confermato i sospetti dei sanitari, è stato trasferito al reparto di malattie infettive dell’ospedale Umberto I di Enna.

Una cinquantina di persone, entrate in contatto con l’uomo, i familiari, tutto il personale medico e paramedico e quanti si trovavano al pronto soccorso e nell’astanteria dell’ospedale Chiello sono stati sottoposti alla profilassi. Le condizioni del paziente sono definite “serie” mentre sono in corso gli accertamenti per risalire alla possibile fonte di contagio.

E’ ancora vivo nella memoria, poi, il dolore per la scomparsa di due studentesse della facoltà di Chimica della Statale di Milano, Alessandra Covezzi e Flavia Roncalli, entrambe state uccise dal meningococco di tipo C, il più diffuso in Italia.

Per ora – spiega Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità – ci sono stati casi sporadici ma la scoperta incoraggia tutte le strategie per la prevenzione, che sono la profilassi già fatta sui contatti stretti e una offerta attiva del vaccino alla popolazione”. Non siamo all’emergenza su scala nazionale, ma la situazione è estremamente delicata.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.