Non vaccinati over 50: multe per 1,2 milioni di euro in arrivo

Il decreto legge 1/2022 ha introdotto l’obbligo vaccinale per chi ha compiuto 50 anni o li avrà entro il prossimo 15 giugno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:34

Una seconda tranche di multe indirizzate agli over 50 non vaccinati con il siero anti-Covid e nei prossimi giorni sarebbe in arrivo una terza. E’ quanto si apprende da fonti del ministero della Salute. Altre 600mila multe, che si aggiungono alle prime 600 mila del mese scorso, sarebbero state comminate (o in corso di invio in questi giorni): si tratta in tutto di 1 milione e 200mila sanzioni finora. Diverse sarebbero state le contestazioni di persone che avrebbero precisato di essersi vaccinati nonostante l’arrivo della multa: in questi casi si hanno 10 giorni per mostrare la documentazione della vaccinazione.

Cosa accadrà

Il decreto legge 1/2022 ha introdotto l’obbligo vaccinale per chi ha compiuto 50 anni o li avrà entro il prossimo 15 giugno, data in cui le disposizioni cesseranno di essere in vigore. La sanzione di 100 euro scatta infatti per chi, entro quella data, non è vaccinato oppure ha eseguito soltanto la prima dose o la seconda senza il richiamo nei termini previsti. A notificare la sanzione è appunto l’agenzia delle Entrate, mentre a irrogarla sarà il ministero della Salute. Prima dell’avviso di addebito, il no vax riceverà una comunicazione di avvio del procedimento: si tratta appunto delle 600mila lettere in partenza in questi giorni. Appena ricevuta potrà decidere di pagare, ovviamente. Oppure avrà dieci giorni di tempo, a pena di decadenza, per inviare all’azienda sanitaria locale competente per territorio eventuali esenzioni o altre ragioni che hanno causato il differimento del vaccino: è il caso di chi ha avuto il Covid.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.