Mosca, arresti domiciliari per la giornalista contraria alla guerra

La decisione è stata presa dal tribunale moscovita Basmanny. Secondo il suo legale, la donna rischia fino a 10 anni di reclusione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:38

Il tribunale Basmanny di Mosca ha ordinato gli arresti domiciliari fino al 9 ottobre nei confronti della giornalista russa Marina Ovsyannikova, nota per la sua contrarietà all’invasione dell’Ucraina da parte delle truppe russe, riporta Novaya Gazeta Europa. Secondo il suo avvocato, la giornalista rischia fino a 10 anni di reclusione per una protesta contro la guerra a luglio.

Il cartello contro la guerra

Ovsyannikova è nota per essersi presentata a sorpresa in diretta davanti alle telecamere della tv di Stato russa durante il telegiornale del canale televisivo Channel One, mostrando un cartello contro la guerra in Ucraina ordinata da Vladimir Putin. Secondo Novaya Gazeta, l’udienza di oggi si è svolta porte chiuse.

La legge

In Russia una nuova legge entrata in vigore dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina prevede fino a 15 anni di reclusione per la diffusione di informazioni sulle forze armate che dovessero essere ritenute “false” dalle autorità russe.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.