Mes, Fitto frena: “Prima il Consiglio Ue”

Il ministro per gli Affari europei, Raffaele Fitto, chiede il rispetto dell'ordine di priorità: "Attesa la discussione di dossier importantissimi". Molinari: "Indietro sul Patto di Stabilità"

Smog ue
Foto di Guillaume Périgois su Unsplash

Il Patto di Stabilità in cima all’ordine delle priorità. Lo ricorda il ministro agli Affari europei, Raffaele Fitto, secondo il quale per il Mes c’è ancora da attendere. Molinari: “Sul Patto accordo lontano”.

In attesa del Mes

Il Mes “è un pezzo di ragionamento ampio, andrei per ordine, vediamo in questo Consiglio Ue cosa si definisce: non può essere visto in modo autonomo. Il Consiglio deve affrontare le modifiche del bilancio Ue, e dossier rilevantissimi. Abbiamo la trattativa sul Patto di Stabilità, le cose vanno raccordate. Pensare che ci sia una discussione a parte che non tenga conto di queste due cose non ci convince”. Lo ha detto il ministro per gli Affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il Pnrr Raffaele Fitto a “In mezz’ora” su Rai3.

“Non sono temi nei quali nemmeno mi piace entrare. Io sto facendo un lavoro molto complesso, è una valutazione che farà il governo, il presidente del consiglio. Oggi lavoriamo e concentriamoci sul Pnrr che è quello che c’è da fare”, ha detto Fitto.

Spesa pubblica aumentata

“Il ministro Giorgetti è riuscito nell’Ecofin ad aprire già un importante momento di dialogo e di interlocuzione su questo, lo vedremo nei prossimi giorni e io mi auguro che si possa chiudere questa trattativa positivamente per il nostro paese”, ha detto il ministro per gli Affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il Pnrr parlando della trattativa sul Patto di stabilità Ue e della richiesta italiana di scorporare alcuni investimenti. “Il rapporto deficit pil nel periodo in cui il Patto di stabilità vigeva è stato lasciato alla libera interpretazione. Nel frattempo dal 2019 al 2022 la spesa pubblica è aumentata da 810 a 1.084 miliardi. Questi elementi sono utili per capire la rilevanza e la complessità del dossier che il ministro Giorgetti sta gestendo insieme a tutto il governo con grande capacità. La transizione verde, quella digitale, le risorse su difesa, che facciamo con queste risorse? se con la mano destra diamo le risorse del Pnrr e della coesione e quella sinistra ci vengono bloccate, ha un senso? Dobbiamo trovare un punto di equilibrio in quest’ambito”, ha detto Fitto. Alla domanda se questi investimenti vanno scorporati, il ministro ha confermato: “Questo è il tema sul quale stiamo lavorando”.

Il Patto di Stabilità

Il Patto di Stabilità è lontano dall’essere concluso, e anzi vi do una notizia: penso proprio che il 14 dicembre non discuteremo di Mes . Le spiego perché: il ministro Giorgetti ha fatto giustamente presente che è in calendario ma esistono provvedimenti che vengono prima”. Lo ha detto il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari ospite del Caffè della Domenica di Maria Latella a Radio 24. “La posizione della Lega è nota, pensiamo sia uno strumento superato ma aspetteremo di capire le indicazioni della Meloni in merito”, ha aggiunto.

Fonte: Ansa