Ecco le 10 bufale sul Coronavirus smentite dagli esperti

Dall'acqua calda che previene il virus alle mascherine fatte in case: le bufale confutate dagli esperti del Ministero della Salute

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:18
Fake news su internet

Il web è il terreno fertile per le fake news, nome moderno per le vecchie bufale. Ma a differenza delle seconde, le fake news sono più insidiose perchè non sempre si comprende con esattezza la fonte primaria. E spesso tale fonte viene anche citata, ma è falsa. Non tutti i cittadini hanno un’informazione plurale e quindi rimangono ghermiti dalla rete di queste notizie. Perciò la proliferazione di queste balle è molto pericolosa in un momento di emergenza sanitaria. Fortunatamente, dopo varie segnalazioni, è intervenuto il Ministero della Salute che ha pubblicato le 10 bufale sfatate dagli esperti.

Le fake news sul Coronavirus

Dall’acqua del rubinetto al bagno con l’acqua bollente, dalle mascherine fatte in casa agli essiccatori per mani. Le fake news attingono alla fantasia e proliferano nutrendosi della paura. Continuamente ne vengono diffuse e smascherate, come ricorda il Ministero della Salute.

L’elenco delle 10 bufale

1. Ci si può infettare bevendo l’acqua del rubinetto. Falso:le pratiche di depurazione cui è sottoposta sono efficaci nell’abbattimento dei virus, insieme a condizioni ambientali che ne compromettono la vitalità (temperatura, luce solare,PH).

2. Il virus si trasmette per via alimentare. Falso: le malattie respiratorie non si trasmettono con gli alimenti, che comunque vanno manipolati rispettando pratiche igieniche.

3. Gli essiccatori per mani ad aria calda uccidono il coronavirus. Falso: non ci sono evidenze, per proteggersi il modo migliore è lavarsi le mani bene e spesso, asciugandole accuratamente.

4. Le mascherine fatte in casa proteggono dal coronavirus. Falso: quelle fatte con sciarpe, bandane o di cotone non hanno capacità protettiva dimostrata.

5. Se mi metto due o tre mascherine una sull’altra sono più protetto. Falso: non è utile e il loro uso razionale è importante per evitare inutili sprechi di risorse preziose.

6. Non è vero che i fumatori rischiano più degli altri di ammalarsi di Covid-19. Falso: fumare fa sì che le dita siano a contatto con le labbra, il che aumenta la possibilità di trasmissione del virus dalla mano alla bocca.

7. Le zampe dei cani possono essere veicolo di coronavirus e vanno sterilizzate con la candeggina. Falso: la candeggina non va usata per disinfettare le zampe al rientro da una passeggiata, nemmeno se molto diluita, basta acqua e sapone.

8. Fare un bagno bollente previene il Covid. Falso: la normale temperatura corporea rimane tra 36,5 e 37 gradi,indipendentemente dalla temperatura del bagno che facciamo.

9. Chi abita in zone con clima caldo umido è più a rischio di infezione. Falso: le evidenze attuali indicano che il nuovo coronavirus può essere trasmesso in tutte le aree, comprese quelle con clima caldo e umido.

10. Se si hanno avuto contatti con soggetti positivi al virus si possono prendere dei medicinali che prevengono l’infezione. Falso: non esiste ancora nessuna terapia preventiva, sono ancora tutti studi sperimentali.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.