Coronavirus, altri 33.979 positivi. Le vittime sono 546: superate le 45 mila

I tamponi effettuati sono 195.275, il rapporto fra test e positivi sale di oltre un punto percentuale: 17,4%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:58

Superata la cifra dei 45 mila morti da coronavirus in Italia. Sono 45.229 in tutto dall’inizio della pandemia, con un incremento di 546 nelle ultime 24 ore. Nelle quali, il Ministero della Salute ha registrato altri 33.979 positivi su 195.275 tamponi effettuati. I positivi totali sono ora 1.178.529, compresi i nuovi 116 pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva. In totale, i posti letto occupati in questi reparti sono 3.422, mentre aumentano di 649 unità i ricoverati con sintomi (32.047 in totale). Il rapporto fra positivi e test arriva al 17,4%, ovvero più di un punto percentuale rispetto a ieri. Per quanto riguarda i guariti, il numero incrementa in modo minore rispetto a sabato: 9.376 contro i 12.196 di ieri, per un totale di 420.810 dall’inizio della pandemia.

Il Natale con il coronavirus

E’ ancora la Lombardia a far registrare il numero più alto di contagi: 8.060 in 24 ore (su 38.072 tamponi effettuati), con 181 vittime. Il totale dei contagi in regione arriva ora a 320.780, mentre quello dei deceduti si attesta a 19.367. Numeri che, uniti all’andamento complessivo degli altri territori, continua a rendere incerto il venturo periodo natalizio. “L’auspicio è di arrivarci con l’Rt più basso possibile – ha detto il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli -. Ma non possiamo poi pensare di fare eccezioni in quel periodo dando luogo ai festeggiamenti cui eravamo abituati”. Per questo, ha spiegato Locatelli, “andranno tenute presenti tutte le misure per non vanificare gli sforzi che faremo fino al periodo natalizio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.