Coronavirus, 28.352 contagi e 827 vittime. I guariti superano i nuovi casi

Nel giorno del monitoraggio generale dell'Iss, si registra un nuovo calo delle terapie intensive: - 64, per un totale di 3.782. Il numero dei decessi sale a 53.677

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44

Il bollettino del Ministero della Salute registra altri 28.352 casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore. E, ancora una volta, il bilancio delle vittime è drammatico: 827, 53.677 dall’inizio dell’emergenza. I tamponi effettuati sono oggi 222.803, mentre nel rapporto fra nuovi casi e guariti si registra una maggiore quota di questi ultimi: 35.467. Scendono quindi di 7.952 unità gli attualmente positivi. Le terapie intensive fanno registrare – 64 unità, passando dalle 3.846 di ieri alle 3.782 di oggi. La Lombardia resta la Regione con il più alto numero di contagi (+ 5.389), seguita da Veneto (+3418) e Piemonte (+3149). Cala ancora anche il numero dei pazienti ricoverati in area medica: dai 34.038 di ieri ai 33.684 delle ultime 24 ore, con un calo registrato di 354 unità. Il tasso di positività si attesta al 12,7%.

Coronavirus, il monitoraggio

Dati che arrivano nella giornata in cui l’Istituto superiore di Sanità e il Ministero della Salute diramano i loro dati sul monitoraggio del coronavirus fra il 4 e il 17 novembre. Un indicatore che mostra un’incidenza calata ma ancora rischiosa per l’Italia che si avvicina alle festività natalizie. Gli stessi medici hanno lanciato un appello alle Regioni affinché le nuove riaperture siano ragionate, suggerendo di proseguire con le misure restrittive per mantenere la tendenza in discesa. Nel prossimo Dpcm, dovranno essere sciolti soprattutto i nodi legati alle attività commerciali e ai raduni familiari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.