Angelus, il Papa indice l’Anno della “Famiglia Amoris Laetitia”

Il Santo Padre spiega che inizierà il 19 marzo e culminerà il 22 giugno 2022, in occasione della X Giornata delle Famiglie. Un anno di riflessione e approfondimento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:36
Papa Anno Famiglia
Foto © Vatican Media

“È bello riflettere sul fatto che il Figlio di Dio ha voluto aver bisogno, come tutti i bambini, del calore di una famiglia”. E’ una riflessione profonda quella che Papa Francesco consegna dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico, nell’Angelus che succede la ricorrenza del Natale e di Santo Stefano. Quella di Nazaret, proprio perché la famiglia di Gesù, “è la famiglia-modello, in cui tutte le famiglie del mondo possono trovare il loro sicuro punto di riferimento e una sicura ispirazione. A Nazaret germoglia “la primavera della vita umana del Figlio di Dio, nel momento in cui Egli è stato concepito per opera dello Spirito Santo nel grembo verginale di Maria”.

E, spiega Papa Francesco, è “all’esempio di evangelizzare con la famiglia” che “ci chiama la festa di oggi, riproponendoci l’ideale dell’amore coniugale e familiare, così come è stato sottolineato nell’Esortazione apostolica Amoris laetitiadi cui ricorrerà il quinto anniversario di promulgazione il prossimo 19 marzo. E ci sarà un anno di riflessione sull’Amoris laetitia e sarà un’opportunità per approfondire i contenuti del documento”.

Famiglia, amoris laetitia

Un anno di riflessione ma anche di preparazione a quello che sarà il X incontro mondiale delle Famiglie, previsto il prossimo 26 giugno 2022. “Ad imitazione della Sacra Famiglia – spiega ancora Papa Francesco -, siamo chiamati a riscoprire il valore educativo del nucleo familiare: esso richiede di essere fondato sull’amore che sempre rigenera i rapporti aprendo orizzonti di speranza. In famiglia si potrà sperimentare una comunione sincera quando essa è casa di preghiera, quando gli affetti sono seri, profondi e puri, quando il perdono prevale sulle discordie, quando l’asprezza quotidiana del vivere viene addolcita dalla tenerezza reciproca e dalla serena adesione alla volontà di Dio”.

E’ vero, ricorda il Santo Padre, che “in ogni famiglia ci sono dei problemi, e a volte anche si litiga”. Ma è anche vero che “se litighiamo in famiglia, che non finisca la giornata senza fare la pace”. E questo perché “la guerra fredda del giorno dopo è pericolosissima. Non aiuta. E poi, in famiglia ci sono tre parole, tre parole da custodire sempre: ‘permesso’, ‘grazie’, ‘scusa’”. Tre parole-guida da non dimenticare.

Affidamento a Nazareth

Riflessioni che, conclude Papa Francesco, “saranno messe a disposizione delle comunità ecclesiali e delle famiglie, per accompagnarle nel loro cammino. Fin d’ora invito tutti ad aderire alle iniziative che verranno promosse nel corso dell’Anno. E che saranno coordinate dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita. Affidiamo alla Santa Famiglia di Nazareth, in particolare a San Giuseppe sposo e padre sollecito, questo cammino con le famiglie di tutto il mondo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.