DOMENICA 11 AGOSTO 2019, 18:36, IN TERRIS

CRISI DI GOVERNO

Caos Pd, Zingaretti frena Renzi

Il segretario: "No ad accordichi, nessuna paura del voto". Ma i dem si dividono

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti
I

l sostegno a ipotesi pasticciate e deboli, non illudiamoci, ci riproporrebbe ingigantito lo stesso problema tra poche settimane". Prova a fare chiarezza Nicola Zingaretti, segretario del Partito democratico, cercando di scacciare dalle menti dei dem l'idea, sempre più corposa, di una possibile intesa coi Cinque stelle per evitare il voto a stretto giro e costituire un governo istituzionale per arrivare alle elezioni. Insomma, l'asse paventato dall'ala renziana del Partito democratico rischia di spaccare per l'ennesima volta un partito che, all'indomani della votazione per la segreteria, cercava in tutti i modi di ricompattarsi per costituire un'alternativa al governo del cambiamento. Ora che la crisi è entrata nel vivo, però, il sostegno all'ex premier fornito da una parte del Nazareno torna a mettere in subbuglio l'ambiente interno, vanificando l'appello all'unità fatto dallo stesso Zingaretti e riaprendo il fronte della divisione.


La situazione

Dopo l'intervista rilasciata al Corriere della Sera, in giornata Renzi è tornata a ribadire il concetto: "Dopo aver messo i conti a posto, si vada a votare e le assicuro che noi e i Cinque Stelle staremo da due parti diverse", - ha detto l'ex premier al Tg -. Non vado a mangiare la pizza con Grillo nemmeno se mi pagano. Ma Salvini ha rovinato l'estate agli italiani aprendo una crisi di governo dalle spiagge con le cubiste. Il governo è un fallimento, ma la scelta dei tempi porta la Borsa a bruciare miliardi, lo spread a volare e all'aumento dell'Iva al 25%. E' folle". Il piano salva-Italia, secondo Renzi, passa da una maggioranza per un governo Istituzionale ma, sul fronte interno, continua a trovare riscontri altalenanti: l'ex ministro Franceschini, ad esempio, pur non allineandosi dichiaratamente alla posizione dell'ex segretario, non chiude nemmeno del tutto all'idea, lanciando però un appello alla calma per non far passare in secondo piano la posizione del segretario corrente: "Invito tutti nel Pd a discutere senza rancori e senza rinfacciarci i cambi di linea. Io lo farò. Anche perché in un passaggio così difficile e rischioso, qualsiasi scelta potrà essere fatta solo da un Pd unito e con la guida del segretario". Posizione a metà fra chi sostiene l'ex premier e chi si allinea (come Calenda) al dettame di Zingaretti che ribadisce: "Con franchezza dico no. Un accordicchio Pd-M5s regalerebbe a Salvini uno spazio immenso. Nessuna paura del voto". Ma ancora una volta il rischio per i dem è dentro al partito stesso.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Le 5 criticità della Manovra

Non si può nascondere che la maggioranza sia un po’ in affanno e che la corsa verso la redazione e...
Le ambulanze della
TESTIMONIANZA

Nadia Toffa, la morte non ha l'ultima parola

Fondazioni, premi, ambulanze: quando l'impegno sociale diventa memoria condivisa
SOLIDARIETÀ

Roma-Robe, il ponte della misericordia

Presepe solidale della Comunità Missionaria di Villaregia in aiuto dell'Etiopia
EXPORT

Record storico: spumante supera champagne

Mai tante bollicine italiane esportate nel mondo (+ 9%). Ora la battaglia è sulle etichette Ue
Una foto del luogo dell'incidente in provincia di Venezia - Foto © Vigili del Fuoco / Ansa
ALLARME SOCIALE

Sempre più giovani vittime del sabato sera

Asaps: "In due mesi, morti in cinquanta". E c'è chi parla di strage
Igor Mitoraj, Cristo risorto, Basilica di Santa Maria degli Angeli, Roma

In Cristo, nasciamo uomini nuovi

"Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?" chiedono a Gesù i discepoli di Giovanni...
Imprese
IMPRESE

Il Lazio è la prima regione per crescita delle esportazioni

Il settore farmaceutico traina l'exoport nel terzo trimestre del 2019. Gli investimenti nella formazione e la sfida della...
Una sardina ai piedi della Basilica romana
LA MANIFESTAZIONE

Le Sardine conquistano Roma

Trentacinquemila persone, San Giovanni è invasa: "Abbiamo raggiunto l'obiettivo"
BRESCIA

Due ciclisti travolti e uccisi da un'auto

Nel milanese lo scontro tra una Opel e un autobus ha provocato tre feriti
I famosi
BARI

Traffico di falsi di Nino Caffè: 43 a giudizio

Sequestrate 21 opere attribuite falsamente al maestro e poi vendute come originali in internet
Papa Francesco
UDIENZA

Il Papa alle ausiliari diocesane: "In voi il dono della dedizione"

Il Santo Padre riceve le collaboratrici apostoliche di Padova e Treviso
La I° edizione del Premio
APPUNTAMENTI IN CALENDARIO

Premi e rassegne del Natale solidale

Dal progetto etico "Con il sole sul viso" ai Comuni che per le feste natalizie puntano sul volontariato: l'impegno...