GIOVEDÌ 12 SETTEMBRE 2019, 11:06, IN TERRIS

CONTE II

Braccio di ferro sui sottosegretari: attesa per oggi la lista

Il Presidente del Consiglio accelera per "iniziare a governare". I nodi ancora da sciogliere per completare l’esecutivo

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il ministro Luigi Di Maio e il segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti
Il ministro Luigi Di Maio e il segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti
D

a Bruxelles il pressing di Giuseppe Conte per chiudere sui sottosegretari già oggi. Una richiesta che, nonostante l'impegno dei partiti a stringere, potrebbe non essere esaudita.  L'indicazione dei nomi non serve solo a completare il Conte bis ma è soprattutto una verifica dei rapporti di forza interni ai partiti che compongono la nuova maggioranza. Nell'alleanza ci sono da appianare divergenze e malumori emersi nella mediazione per la definizione della squadra dei ministri. I leader Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti cercano di puntellare l’esecutivo con sottosegretari di loro fiducia senza scontentare troppo le altre correnti interne. In particolare le parole del segretario dem sul rischio di uno scisma della componente legata al suo predecessore Matteo Renzi si ripercuotono anche sul tavolo in corso per la definizione della compagine governativa. Scontentare gli oppositori interni renderebbe accidentata la navigazione del governo. All’orizzonte ci sono le scadenze autunnali con la nuova commissione Ue che inizia il suo cammino in contemporanea con il Conte bis e ha messo al centro del proprio programma molti temi  in comune con l’esecutivo italiano. In cima all’agenda di Ursula von der Leyen, come ha ricordato in un editoriale il direttore della Stampa, Maurizio Molinari, ci sono clima, difesa, democrazia, crescita, “New Green Deal” e lotta alle disuguaglianze. E cioè gli obiettivi annunciati dal premier alla Camera prsentando il proprio programma di governo


La partita del Mef

Nella trattativa 5 stelle-Pd il nodo più intricato riguarda il ministero dell’economia e delle finanze.  “In corsa Laura Castelli (viceministro uscente in odore di riconferma) e Stefano Buffagni, che ieri è stato avvistato in Transatlantico alla Camera a colloquio con i "suoi"- evidenzia l’Adnkronos -. Gli altri candidati M5S al posto di sottosegretario per il dicastero di Via XX Settembre, guidato dal dem Roberto Gualtieri, sarebbero Alessio Villarosa, Giovanni Currò, Marco Pellegrini e Vincenzo Presutto. Antonio Misiani come viceministro e l'ex-sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vicenti, sono le carte in mano al Pd. Ma circola anche il nome di Luigi Marattin. “Sarebbe buono riuscire a completare per poter partire e essere quanto prima attivi", dichiara il premier mentre assiste alla nascita della nuova commissione Ue.


La regia democratica

Fonti di governo riportate dall’Adnkronos riferiscono che "non c'è conflittualità" ma che la definizione della squadra è "complessa" anche perché Pd e M5S hanno scelto due sistemi diversi per la selezione dei candidati. E ci sono alcuni fattori, come la rappresentanza del Sud e le donne, che vanno a complicare ulteriormente l'incastro. Per il Pd stanno seguendo la partita Dario Franceschini e Andrea Orlando per aggiustare pesi e contrappesi sui circa 18 posti a disposizione nel sottogoverno (2 dovrebbero spettare a Leu) tenendo conto degli equilibri interni ai dem. Dall'area renziana si danno 7 nomi in "buona posizione" (Ascani, Marattin, Cociancich, Fiano, Malpezzi, Margiotta, Dario Stefano). "E alla Camera si sono visti circa 60 parlamentari di Base riformista, l'area che fa capo a Luca Lotti e al neoministro Lorenzo Guerini, per fare il punto - precisa Adnkronos- .Non sui sottosegretari, si specifica, ma il tema comunque attraversa le varie componenti dem. Nei 5 Stelle, la situazione è forse ancora più complicata: è ressa per un posto nella squadra".


I grillini "papabili" 

I membri 5 Stelle delle Commissioni parlamentari, dopo riunioni fiume dove non sono mancati momenti di tensione, hanno ultimato le loro liste dei “papabili” come richiesto da Luigi Di Maio, a cui spetterà la decisione finale sui nomi da portare al tavolo della contrattazione col Partito democratico. Agli Interni, sottolinea l’Adnkronos, i nomi dem sono quelli di Emanuele Fiano e Franco Mirabelli, mentre sul fronte M5S ci sarebbe la candidatura dell'ex ministro della Difesa Elisabetta Trenta (che però starebbe incontrando alcune resistenze interne), oltre ai nomi di Carlo Sibilia, Maurizio Cattoi, Federica Dieni, Mario Michele Giarrusso e Piera Aiello. Per la Giustizia c'è l'ipotesi Walter Verini. “Per il deputato dem si era parlato anche dell'editoria ma in pole sulla delega (se il Pd dovesse spuntarla) c'è Andrea Martella- evidenzia Adnkronos-.Il sottosegretario uscente Vittorio Ferraresi, Elisa Scutellà e Gianfranco Di Sarno sono i profili che circolano con più insistenza in casa M5S per Via Arenula”.


Riconferme e new entry

Con Di Maio al vertice della Farnesina potrebbero aspirare a un posto da sottosegretario le esponenti del Pd Lia Quartapelle e Marina Sereni, mentre viene data quasi per certa la riconferma di Manlio di Stefano. Per quanto concerne la Difesa, Angelo Tofalo e Gianluca Aresta sono tra i nomi in pole per il M5S, mentre per il Mit si parla di Massimiliano Manfredi in quota dem e del pentastellato Agostino Santillo. “Dalla Regione Lazio, l'assessore Giampaolo Manzella potrebbe trasferirsi al Mise (o potrebbe affiancare Paola Pisano all'Innovazione, dove è in corsa anche il M5S Luca Carabetta) - specifica l’Adnkronos -. Lo Sviluppo Economico sarebbe una destinazione gradita anche per la deputata Mirella Liuzzi, che punta alla delega sulle tlc, ma nel ministero presieduto da Stefano Patuanelli premono per la riconferma anche Davide Crippa e Andrea Cioffi. Al Lavoro potrebbe andare Chiara Gribaudo (Pd) e avanza anche il nome di Arturo Scotto di Leu, non rieletto alle ultime politiche. Si sarebbero fatti avanti per il ministero della Salute i grillini Giorgio Trizzino, Dalila Nesci e Nicola Provenza, mentre la deputata Maria Pallini punterebbe agli Affari Regionali”.


Deleghe e commissioni

Aspira a un bis come sottosegretario all'Ambiente il grillino Salvatore Micillo, ma anche Alberto Zolezzi avrebbe manifestato il suo interesse per il medesimo dicastero. “Particolarmente affollata la lista dei candidati partorita dai membri 5 Stelle della Commissione Cultura- puntualizza Adnkronos -. Una quindicina i nomi, tra cui Gianluca Vacca, Paolo Lattanzio (entrambi candidati al Mibact), Lucia Azzolina (Istruzione), Danila De Lucia (quest'ultima si sarebbe proposta per la delega all'Editoria). Per il Mibact nel Pd si fa il nome di Lorenza Bonaccorsi”. Per le Politiche Ue si fa strada l'ipotesi di un nome extraparlamentare. In corsa per un posto di peso nel sottogoverno c'è anche l'attuale capogruppo M5S alla Camera Francesco D'Uva: per lui si parla, tra le varie opzioni, di un ruolo come vice al Viminale o come sottosegretario ai Rapporti col Parlamento. “All'Istruzione come viceministro continua a girare il nome di Anna Ascani, per la pubblica amministrazione Simona Malpezzi, per lo Sport Patrizia Prestipino- chiarisce Adnkronos-. Altri nomi in pole: Alessia Morani e Piero De Luca. Sullo sfondo resta la pista di nomi 'esterni' in quota M5S, da Filippo Nogarin a Giancarlo Cancelleri”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica

Sondaggio che va, sondaggio che viene

Abbiamo sottolineato più volte che la politica ormai è scandita da sondaggi. Bene che vada settimanali....
Parte del manifesto blasfemo apparso a Bologna

Un'offesa alla Mamma Celeste

A Bologna, una festa universitaria diventa blasfema
Donald Trump
KIEVGATE

Via libera all'impeachment: cosa rischia Trump

L'annuncio della speaker Nancy Pelosi ha mandato su tutte le furie il presidente. Ma c'è lo scoglio del Senato
Concilio Vaticano II

Pietro non fa politica

La tentazione è vecchia di due millenni: cercare di tirare la bianca veste verso una parte,...
Palazzo Chigi
GOVERNO

Manovra, salta l'intesa in Cdm

Ok alla riforma del processo civile ma Italia viva fa muro su sugar e plastic tax. Conte: "L'esecutivo va avanti"
AFRICA

Ecco chi sono le 14 persone rapite dall'Isis

La notizia è stata diffusa dal Site
L'elemosiniere di Sua Santità, Konrad Krajewski, e Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, mentre accolgono i 33 profughi provenienti da Lesbo a Roma Fiumicino - Foto © Sir
CHIESA IN USCITA

L'elemosiniere del Papa: "Se aprissimo le nostre parrocchie, a Lesbo non ci sarebbero più profughi"

Parla il cardinale Krajewski, giunto a Fiumicino ad accogliere 33 rifugiati
MILANO

Dramma fuori dalla metro, clochard muore di freddo

L'appello del sindaco Sala ai cittadini: "Invitateli ad andare nei centri"