Terrorismo: esaltava Daesh sui social, arrestato

L'accusa è di istigazione a delinquere aggravata dall’uso del mezzo telematico. L'indagato, aderiva pienamente all’ideologia estremista di matrice salafita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:10
daesh
Un 30enne italiano è stato arrestato dai carabinieri del Ros di Milano per istigazione a delinquere aggravata dall’uso del mezzo telematico. L’indagato, aderendo pienamente all’ideologia estremista di matrice salafita Daesh, si sarebbe impegnato nel diffondere il credo propugnato dall’autoproclamato Stato Islamico, esaltandone le gesta in chiave apologetica e istigando i propri interlocutori a unirsi al jihad globale contro i miscredenti.

Le indagini

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita dai carabinieri di Milano, è stata emessa dal gip del tribunale meneghino su richiesta della locale procura della Repubblica. L’attività investigativa, sviluppata lungo un consistente lasso temporale, ha consentito di documentare l’assidua condotta posta in essere dall’indagato. I dettagli dell’operazione verranno forniti nel corso di una conferenza stampa nel Comando provinciale carabinieri di Milano alle ore 12.00.

Sui social esaltava le azioni violente del Daesh

L’uomo per realizzare il proprio disegno criminoso, si è avvalso della rete internet, spiegano gli investigatori impegnati nell’operazione “Al Bidaya”. In fondo Internet è lo strumento più efficace per colpire le fasce di popolazione mondiale maggiormente influenzabili, utilizzando i social media (tra gli altri, Facebook e la piattaforma ‘Sound Cloud’) per condividere immagini e documenti audio/video di esaltazione delle azioni violente del Daesh. I fatti contestati, commessi in Milano dal novembre 2015 e tutt’ora in atto, sono aggravati dalle finalità di terrorismo internazionale e dall’utilizzo dello strumento informatico e telematico.

Perché l’uomo è potenzialmente pericoloso

La pericolosità dell’indagato è stata avvalorata dal circuito relazionale – sia nazionale, sia internazionale – particolarmente qualificato, composto da una rete di persone dedite alla sistematica propaganda a favore dello Stato Islamico e dell’esaltazione del Jihad mediante la condivisione di post e commenti sui social.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com