Reggio Emilia: tragedia sfiorata durante una violenta lite tra vicini

La lite è nata per futili motivi: per alcuni scarti di potatura da giardino fatti dal dirimpettaio finiti per errore nella sua proprietà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:18
Una pistola Bernardelli (immagine di repertorio)

Ha litigato col vicino e poi gli ha puntato una pistola per sparargli, ma l’arma si è inceppata e il proiettile non è esploso. Una lite che, come già accaduto in passato, poteva trasformarsi in tragedia.

Un 55enne siciliano, residente a Poviglio, nella Bassa Reggiana – una parte del territorio della provincia di Reggio Emilia che si estende per circa 10 chilometri in una fascia di comuni che costeggiano la sponda destra del fiume Po lungo il tratto del confine lombardo – è stato arrestato per tentato omicidio. L’ipotesi è formulata dal pm Maria Rita Pantani, titolare delle indagini.

Lite per futili motivi

La lite – secondo quanto ricostruito dagli investigatori – sarebbe nata per futili motivi. Il 55enne si è lamentato per alcuni scarti di potatura da giardino finiti nella sua proprietà, cominciando a discutere animatamente col dirimpettaio, un 78enne.

I due sono venuti alle mani. Quindi, il siciliano è tornato in casa, ha preso una pistola, è uscito, si è posizionato sul muretto del cancello che divide i due terreni, ha preso la mira e ha sparato contro il vicino. Ma il proiettile è rimasto inesploso, uscendo però dalla camera della cartuccia e di conseguenza raccolto dall’anziano, che lo ha consegnato ai carabinieri come prova.

Pistola rubata

Ora il 55enne, oltre che per tentato omicidio, è anche indagato per ricettazione, detenzione e porto abusivo d’armi. La pistola infatti – una Bernardelli calibro 7,65 – è risultata essere stata rubata nel luglio del 2000 in una casa di Cadelbosco Sopra, sempre in provincia di Reggio Emilia. L’arma e il proiettile recuperato sono stati sequestrati ed ora sono a disposizione dei Ris di Parma per gli accertamenti balistici.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.