Consultazioni, Leu: “No al risiko delle poltrone”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:50

Abbiamo confermato la disponibilità di Leu a verificare la possibilità di dare vita a un governo di svolta di cui il Paese ha bisogno senza veti o pregiudiziali sui nomi: non serve un risiko di poltrone“. E' quanto ha dichiarato Loredana De Petris al termine della consultazione al Quirinale. “Abbiamo espresso preoccupazione per l'incertezza in cui ci si trova con la congiuntura economica difficile e rischiosa – ha aggiunto – La necessaria discontinuità si vede non dai nomi ma dai programmi e dalle scelte politiche su temi determinanti come ambiente, temi sociali e diritti civili”. 

Bonino: “Governo misterioso, noi non compriamo a scatola chiusa”

Uscendo dal colloquio con il presidente Mattarella, Emma Bonino ha dichiarato che “+Europa non ritiene di poter dare fiducia a un governo che sembra un oggetto misterioso: noi non compriamo a scatola chiusa. Ci dobbiamo quindi riservare un giudizio definitivo a quando saranno più chiari gli obiettivi”. 

Il secondo giro di consultazioni

Mentre proseguono le trattative Pd-M5s, al Quirinale ha preso il via il secondo giro di consultazioni. Al Colle sono saliti per primi i presidenti di Senato e Camera, Maria Elisabetta Alberti Casellati prima e Roberto Fico, ai quali sono seguiti gli esponenti del Gruppo Misto. Nella giornata di domani toccherà ai nomi grossi, con Pd, Lega e Movimento 5 stelle.

In aggiornamento

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.