Sanremo 70, le chiavi ad Amadeus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:40

Il settantesimo a un esordiente, ma solo sul palco dell'Ariston: la Rai ha definitivamente scelto il comandante della prossima edizione del Festival di Sanremo, quello numero settanta, consegnando ad Amadeus le chiavi della kermesse canora più importante in Italia che, per l'occasione, è stata annunciata “all'insegna della coralità e della celebrazione, un Festival con sorprese, un Festival nel segno della storia della Rai che vedrà impegnata l'intera l'azienda”. Una prima assoluta per Amadeus, reduce da una stagione di grandissimo successo con “Soliti ignoti” e tra i volti più familiari della rete televisiva, garanzia di qualità e cordialità (nonché di competenza musicale) che, per il 2020, la Rai ha deciso di premiare con il palco più prestigioso. Del Sanremo che sarà, al momento, si sa il giusto: sicuramente, hanno fatto sapere da Viale Mazzini, il tutto si baserà su un progetto ambizioso, un “evento multipiattaforma ideato e costruito dalla Rai” che vedrà la partecipaizione di “volti che hanno costruito la storia del Festival”.

Festival tra novità e tradizione

Un totonomi, quello relativo ai famigerati “volti”, che forse non è troppo difficile: da Pippo Baudo a Fabio Fazio, fino ai tempi più recenti con Carlo Conti e Piero Chiambretti. Tutte personalità di spicco della storia di Sanremo che, stando al sibillino messaggio della direzione artistica, potrebbero affiancare il “capitano” dell'edizione nel corso delle cinque serate. Di sicuro, quello di Amadeus sarà un Festival d'eccezione, “un racconto che si intreccerà con quello di compagni di viaggio di Amadeus, sorprese e un DopoFestival che sarà costruito all'insegna dell'innovazione”. A lavorare si è già cominciato, con l'attesa che, al solito, più che per lo spettacolo in sé risiede nella curiosità di scoprire chi saranno i cantanti in gara. E chissà che, vista l'occasione speciale, anche fra questi non vi sia qualche sorpresa, magari qualche nome importante che, questa volta, potrebbe scegliere Sanremo per celebrare la musica italiana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.