UFFICIALE: ALIBERTI E’ IL NUOVO AMBASCIATORE ITALIANO IN BIRMANIA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

Ora è ufficiale: Pier Giorgio Aliberti è il nuovo ambasciatore italiano in Birmania. L’incarico è stato formalizzato ieri con la presentazione delle lettere credenziali al presidente Thein Sein. Durante l’incontro con il capo dello Stato birmano, in una cerimonia avvenuta nella capitale Naypyidaw, il nostro diplomatico ha espresso l’auspicio che le elezioni del prossimo 8 novembre si svolgano in modo trasparente, inclusivo e democratico e che il processo di riconciliazione nazionale possa giungere ad una positiva conclusione in tempi rapidi.

Aliberti è già stato capo dell’Ufficio politico dell’ambasciata d’Italia a Washington, dove ha lavorato dal 2010. Prima di trasferirsi negli Stati Uniti, era stato al ministero degli Esteri con l’incarico di corrispondente europeo e capo ufficio Pesc/Pesd alla direzione generale per l’Integrazione Europea (2007-2010), e di vice responsabile per le Relazioni Esterne Ue, con enfasi su Mediterraneo e Golfo Persico, Balcani ed ex Unione Sovietica (2006-2007).

In precedenza aveva lavorato a Bruxelles nel gabinetto dell’Alto rappresentante Pesc, Javier Solana, come responsabile per Serbia e Croazia (2003-2006); all’ambasciata d’Italia a Copenaghen in veste di capo dell’ufficio economico-commerciale (2001-2003) e, con uguali mansioni, a Nairobi, dove svolgeva anche funzioni di vice rappresentante permanente presso Unep e Habitat (1998-2001).
Negli anni 1993-97 si era occupato di questioni economico-commerciali nell’area ex-sovietica alla direzione generale Affari Economici ed era stato capo segreteria della direzione generale del personale e dell’amministrazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.