La Cina sdogana la carne italiana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25

Buone notizie per l'export italiano. Dopo oltre 16 anni la Cina ha deciso di rimuovere il bando sulla carne bovina italiana. I tempi per la ripresa delle esportazioni non saranno, però, brevi dato che le parti devono prima varare un protocollo coi requisiti sanitari. L'annuncio è stato dato dal Ministero dell'Agricoltura cinese e dall'Amministrazione per il Controllo della Qualità, l'Ispezione e la Quarantena (AQSIQ) a conclusione dei lavori del Comitato governativo Italia-Cina presieduto dai rispettivo ministri degli Esteri, Angelino Alfano e Wang Yi

Svolta

Le autorità dei due Paesi potranno definire un protocollo sui requisiti sanitari per l'export verso la Cina di carne disossata di bovini con meno di 30 mesi. Ministero dell'Agricoltura e AQSIQ cinesi hanno poi comunicato la rimozione del bando sul seme bovino italiano per il virus di Schmallenberg. A settembre una delegazione di esperti cinesi ha compiuto una visita in Italia di verifica delle garanzie sanitarie offerte dal sistema produttivo. 

Martina

Secondo il ministro dell'Agricoltura, Maurizio Martina, si tratta d i un “grande risultato”. “Dopo 16 anni torneremo ad esportare carne bovina di qualità italiana in Cina. È un risultato strategico del grande lavoro che abbiamo fatto in questi anni insieme al ministero della salute e alla nostra ambasciata'' ha spiegato. Dopo lo sblocco sulle carni suine dello scorso anno e delle arance di inizio 2017, ha concluso Martina, “superiamo un altro ostacolo storico. Aprire i mercati con regole giuste può aiutare migliaia di nostri allevatori e agricoltori, come dimostra l'aumento del 92% delle esportazioni agricole in Cina in questi ultimi mesi. L'export del Made in Italy si sostiene con protezione e promozione, avanti su questa strada”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.