De Luca jr si dimette da assessore: “Un caso vergognoso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:50

Roberto De Luca, figlio del governatore della Campania, si dimette da assessore al Bilancio del Comune di Salerno. Ad annunciarlo è lui stesso nel corso di una convention del Pd a Salerno: “Non voglio rappresentare un alibi per nessuno e rimetto il mio mandato nelle mani del sindaco”, dice De Luca jr, al centro di polemiche per l'inchiesta della Procura di Napoli su infiltrazioni dei clan in appalti per lo smaltimento rifiuti con ipotesi di corruzione e finanziamento illecito ai partiti, partita dalla denuncia di Fanpage.it.

“Un caso oscuro e vergognoso”

Ho ricevuto attestati di stima e solidarietà, anche da tanti avversari politici, dopo la vicenda oscura in cui sono stato coinvolto. E' chiaro a tutti che è stata messa in piedi una provocazione vergognosa. Ma non intendo offrire alibi a nessuno, né pretesti per operazioni di aggressione politica. Quindi rimetto il mio mandato di assessore al Comune di Salerno“. In platea era presente anche il padre, Vincenzo DeLuca, presidente della Campania. “Ora – ha aggiunto De Luca jr – dobbiamo contrastare l'imbarbarimento della vita pubblica del Paese, quindi occorre mettere in campo ogni energia per vincerela sfida elettorale. Rimetto il mio mandato per consentire atutti di concludere con slancio ed entusiasmo la campagna elettorale“. Poi ha ribadito “la piena fiducia nell'azione della magistratura”.

Aggredita una giornalista

Durante la stessa convention del Pd, una giornalista di Fanpage.it, Gaia Bozza, è stata aggredita. A denunciare l'accaduto è la redazione del sito d'informazione online. “Ero con la telecamera nei pressi delle prime file – ha detto Bozza all'Ansa – e cercavo di fare delle domande a Roberto De Luca quando ho sentito una donna che non conosco e che urlava alle mie spalle. Diceva 'lasciatelo stare è un grande', riferita a Roberto De Luca. Mi sono voltata e le ho chiesto se avesse visto il video che lo riguarda e se pensasse che sia una cosa da poco e lei mi ha risposto 'lui è un grande, non come questa monnezza', indicando la telecamera”. L'episodio sembra terminare qui, ma è ripreso dopo qualche minuto: “Stavo facendo delle riprese della sala – ha aggiunto la giornalista –  e vedo arrivare di nuovo quella signora verso di me. Si è avventata sulla telecamera cercando di mettere la mano sull'obiettivo e urlando 'adesso te ne devi andare, chi c… sei?'. Poi ha provato a darmi uno schiaffo ma l'ho schivato”. A quel punto la donna è stata trattenuta e allontanata. 

L'inchiesta di Fanpage

Fanpage, sul suo sito, ha diffuso un video nel quale si documenta un incontro con Roberto De Luca, assessore comunale di Salerno e figlio del governatore della Campania Vincenzo. Nei 13 minuti di pellicola si racconta la presunta disponibilità dell'assessore De Luca, e di alcuni suoi collaboratori, ad intascare una pertentuale “tra il 10 e il 15 percento” sull'appalto per lo smaltimento dei rifiuti della regione. Nunzio Perrella, ex boss della Camorra, è stato l'uomo che si è proposto al sito per documentare la gestione dei rifiuti in Campania. L'uomo, che per anni ha gestito il traffico dei rifiuti in tutta Italia, prima di avvicinare De Luca junior ha fatto circolare la notizia di un suo imminente ritorno nell'affare dello smaltimento dell'immondizia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.