Casi in calo ma è allarme giovani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

In lieve calo i casi di Hiv nel 2016, che in Italia scendono per la prima volta sotto la soglia dei 3.500. Un dato, tuttavia, in controtendenza con quello, grave, che riguarda i giovani. La flessione, infatti, è minore tra i ragazzi sotto i 25 anni, che rappresentano la categoria forse più in pericolo per “l'allarmante diminuzione della percezione del rischio“. Questa la fotografia del fenomeno tracciata dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a pochi giorni dalla Giornata mondiale per la lotta all'Aids dell'1 dicembre. “Con l'Hiv non si scherza“, è il monito lanciato dal ministro, ed è anche il claim della nuova campagna di comunicazione sull'Hiv-Aids.

Il rapporto

I dati innanzitutto: sulla base delle ultime rilevazioni dell'Istituto superiore di sanità (Iss), nel 2016 sono state dunque riportate 3.451 nuove diagnosi di Hiv. Si è osservato inoltre un aumento dell'età media alla diagnosi, nonchè un cambiamento delle modalità di trasmissione: diminuisce la proporzione di consumatori di sostanze per via iniettiva, ma aumenta la proporzione dei casi attribuibili a trasmissione sessuale. Sempre nel 2016 sono stati segnalati 778 casi di Aids conclamato e oltre il 50% dei casi di Aids segnalati era costituito da persone che non sapevano di essere Hiv positive. Le regioni con l'incidenza più alta sono Lazio, Marche, Toscana e Lombardia. Ed aumentano le diagnosi di Hiv tra gli stranieri che vivono in Italia: sono il 35,8%, pari ad un terzo del totale.

Come la Grecia

Per numero di infezioni, l'Italia si colloca al 13/mo posto in Europa, a parità con la Grecia. Insomma, i numeri sono ancora allarmanti, soprattutto perchè, ha spiegato Lorenzin, “si è abbassata la percezione del pericolo proprio tra i più giovani. Per questo, sono ricomparse anche malattie che sembravano dimenticate, come sifilide e gonorrea. La priorità è quindi innalzare immediatamente il livello di attenzione su Aids e malattie sessualmente trasmesse, perchè c'è poca consapevolezza”.

Numeri da guerra

Sono i numeri di “una guerra, con 69mila casi dall'inizio dell'epidemia nel 1982 e 44mila morti al 2014“, ha ricordato il direttore del Dipartimento Malattie infettive Iss, Gianni Rezza. Purtroppo, ha rilevato, “la percezione del rischio diventa sempre più bassa, tanto che vediamo un aumento relativo nella percentuale di casi proprio tra i giovani con meno di 25 anni, e questo è dovuto alla perdita di una memoria generazionale su questa malattia”.

La campagna

Il rischio per i giovani, inoltre, corre sempre di più sul web: proprio la rete e le app sono infatti sempre di più utilizzate per incontri pericolosi. Proprio per rilanciare l'invito a non abbassare la guardia, dunque, parte la nuova campagna del ministero, che prevede spot televisivi con gli attori Dario Vergassola e Giulia Michelini, trasmessi dall'1 dicembre sulle reti Rai. Successivamente, per il target dei giovanissimi, partirà a titolo sperimentale anche una campagna su Youtube, per la quale sono stati “arruolati” alcuni tra i maggiori youtuber italiani, come Willwosh e i Theshow, tutti ragazzi che hanno in media più di un milione di iscritti sui rispettivi canali. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.