Bucci commissario per la ricostruzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:01

Sarà il sindaco di Genova, Marco Bucci, il commissario straordinario per la ricostruzione del viadotto che sostituirà il ponte Morandi, crollato lo scorso 14 agosto. 

Ok di Toti

Dopo una telefonata questa mattina tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il governatore ligure, Giovanni Toti, Palazzo Chigi ha comunicato, come previsto dal decreto, l'intenzione di procedere alla nomina di Bucci. La Regione ha risposto con parere favorevole

Il personaggio

Obiettivo di Bucci sarà quello di restituire nel minor tempo possibile un'arteria vitale per la città, facendo giustizia ai morti e ai vivi. C'è chi lo ha ribattezzato “l'uomo dei miracoli“. E, in effetti, di sfida, l'attuale primo cittadino, ne ha già vinta una: trionfando nelle ultime elezioni amministrative ha portato al governo una giunta di centrodestra dopo decenni. Dopo aver frequentato il liceo ginnasio Andrea Doria, si è laureato con lode nel 1985 in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche presso l'Università di Genova. Prima di entrare a lavorare per la 3m, importante multinazionale statunitense, ha completato il suo percorso formativo specializzandosi negli States, nelle Università di Minnesota e Michigan, ma anche all'Imd di Losanna in Svizzera. La carriera da manager si è sviluppata poi prevalentemente all'estero, ricoprendo la carica di presidente della Carestream Health Inc (colosso americano del settore dell'imaging medicale e dentale, ndr), Ceo della Eastman Kodak Company (lo storico marchio della fotografia) e vicepresidente di Sgs (azienda svizzera di ispezione e certificazione dove si affermo' Sergio Marchionne prima di passare in Fiat). Dall'ottobre 2015 al giugno 2017, chiamato dal governatore Giovanni Toti, ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato di Liguria Digitale. Incarico abbandonato dopo l'elezione a sindaco di Genova tra le fila del centrodestra.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.