Boschi: “Mai mentito al Parlamento”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:22

Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto”. Così Maria Elena Boschi risponde a chi invoca che si dimetta alla luce dell'intervento del presidente di Consob Giuseppe Vegas nella Commissione d'inchiesta sul sistema bancario.”Chi mi chiede le dimissioni perchè avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. E i giornalisti hanno il dovere di indicare il passaggio in cui avrei mentito al Parlamento”, aggiunge la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio.

Le parole di Vegas

Vegas ha affermato a proposito di Banca Etruria: “Ho avuto modo di parlare della questione con l’allora ministro Boschi”, la quale espresse “un quadro di preoccupazione perché a suo avviso c’era la possibilità che Etruria venisse incorporata dalla Popolare di Vicenza e questo era di nocumento per la principale industria di Arezzo che è l’oro”. Vegas fece però notare alla Boschi che Consob “non era competente sulle scelte di aggregazione delle banche”.

Boschi “Mai fatte pressioni”

“Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai” ha sottolineato la Boschi. “Non è giusto subire aggressioni sul nulla, ma non mi fanno certo paura. E voglio che tutti sappiano la verità. Dopo due anni di strumentalizzazione adesso basta. Ho chiesto a Lilli Gruber di ospitarmi stasera a Otto e Mezzo insieme a Marco Travaglio“.

Nelle prossime ore verranno ascoltati in commissione banche anche il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, e il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.