Incendio in casa a Palermo: muore una donna, grave la figlia

La figlia della vittima presenta ustioni di secondo grado. Nove poliziotti sono stati ricoverati in codice giallo in ospedale per intossicazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:20
L'incendio a Palermo in via Pacinotti

Tragedia nella notte a Palermo dove una anziana di 79 anni, Francesca Maria Acanfora, è morta nell’incendio divampato nel suo appartamento al nono piano di un palazzo di via Pacinotti 19, una zona residenziale del capoluogo siciliano. Il corpo della vittima è stato ritrovato dai pompieri una volta spente le fiamme.

Figlia e poliziotti feriti

Nel rogo è rimasta gravemente ustionata anche la figlia della vittima che è stata trasportata all’ospedale civico e ricoverata con ustioni di secondo grado: è riuscita a mettersi in salvo solo grazie all’aiuto della polizia. Nel corso delle operazioni di soccorso, rese difficoltose dall’altezza del palazzo e dal fumo che fuoriusciva dalle finestre, anche nove agenti di polizia sono rimasti intossicati. Sono stati trasportati in codice giallo al policlinico per le cure da intossicazione del caso.

La dinamica

L’allarme è scattato poco dopo le 5, quando i vicini di casa sono stati svegliati dal fumo che aveva invaso le scale e che proveniva dall’abitazione dove vivevano le due donne. Cinque squadre dei vigili del fuoco sono prontamente intervenute sul posto e hanno lavorato per ore per mettere in sicurezza l’edificio. Tutti i condomini sono stati sgomberati in attesa delle verifiche di agibilità del palazzo. Diverse le ipotesi sulle cause del rogo al vaglio dei vigili del fuoco: potrebbe trattarsi, dicono i pompieri, di corto circuito dell’impianto elettrico ma anche di una sigaretta dimenticata accesa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.