Trump si sente uno stakanovista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:14

Lavoro probabilmente di più di tutti i miei predecessori“. Così Donald Trump risponde alle polemiche successive alla pubblicazione di parti della sua agenda giornaliera, secondo cui i primi impegni del presidente sarebbero fissati alle 11 di mattina

Replica

Secondo la “talpa“, che ha fornito gli estratti, Trump, fra le altre cose, avrebbe utilizzato oltre la metà del tempo lavorativo, dal giorno delle elezioni di metà mandato, nel cosiddetto “Executive Time”, dedicato alle sue esigenze personali. “I media hanno ottenuto il mio programma di lavoro, qualcosa di molto facile da avere, ma avrebbero dovuto parlarne in positivo, non negativo“, ha reagito il tycoon. “Quando si usa il termine 'Executive Time', generalmente lavoro, non mi rilasso: probabilmente lavoro più ore di qualsiasi altro presidente nel passato”.

Impegni

In effetti a guardare la sua agenda, si rimane sorpresi. Trump si alza ogni giorno presto, poco prima delle 6, ma resta nel suo alloggio fino alla mattinata inoltrata. In questa parte della giornata, che nell'agenda viene definita “Executive Time”, il presidente legge i giornali, guarda i notiziari tv, avvia un lungo giro di telefonate: chiama amici, consiglieri personali, membri del Congresso; guarda i social e scrive su Twitter. Solo tra le 11.00 e le 11.30 comincia i suoi incontri ufficiali, il capo dello staff e i funzionari dell'Intelligence. Nella giornata inserisce, in media, una-due ore di incontri con persone non segnalate allo staff per evitare “soffiate“. In sostanza, negli ultimi tre mesi, Trump ha trascorso 297 ore e 15 minuti nel cosiddetto “Executive Time”, il 60 per cento del totale. Al contrario, ha trascorso in riunioni appena 77 ore e 5 minuti. Ma Trump ha reagito: “Il fatto è che quando ho assunto la presidenza, il nostro Paese era un disastro. Esercito allo stremo, guerre senza fine, una potenziale guerra con la Corea del Nord, tasse elevate e troppi regolamenti, problemi di confine, immigrazione e salute, e molto altro ancora “, ha proseguito in un altro tweet. “Non ho avuto altra scelta che lavorare per lunghe ore!”.

Difesa

Dopo che Axios, il 3 febbraio, ha pubblicato l'agenda di Trump, la sua portavoce, Sarah Huckabee Sanders, ha attribuito l'anomalia sui tempi allo “diverso stile di leadership di Trump rispetto ai suoi predecessori” e ha detto che proprio “permettere un ambiente più creativo ha contribuito a renderlo il presidente più produttivo della storia moderna”. Madeleine Westerhout, la segretaria personale di Trump responsabile dello Studio Ovale, ha però definito l'accaduto una “vergognosa violazione della fiducia“. E la Casa Bianca ha lanciato una caccia a tutto campo per trovare il responsabile. E domenica il capo di gabinetto della Casa Bianca, Mick Mulvaney, ha assicurato che si stanno avvicinando al colpevole: “Lo o li troveremo”, ha assicurato a Fox News.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.