TENSIONI A FERGUSON, OBAMA TUONA: “INACCETTABILE LA VIOLENZA CONTRO LA POLIZIA”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30

La “violenza contro la polizia è inaccettabile”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Barack Obama sull’account Twitter della Casa Bianca, all’indomani delle manifestazioni e degli spari contro la polizia a Ferguson. “Il cammino della giustizia va percorso tutti insieme” ha aggiunto il Presidente. Stesso concetto espresso dal Segretario della Giustizia, Eric Holder, che ha condannato “un attacco vile e ripugnante”, compiuto da persone che “cercano di seminare la discordia”. Secondo Holder “quanto accaduto ieri è stata un’autentica imboscata”. Intanto ieri sera nella cittadina americana del Missouri si è svolta una nuova manifestazione. Un centinaio di giovani si sono radunati davanti alla stazione di polizia scandendo slogan e bloccando la strada principale.

I due poliziotti rimasti feriti nel corso delle manifestazioni della sera precedente sono stati dimessi dall’ospedale. Nell’ambito delle indagini sono state fermate tre persone, ma nessuno è stato arrestato. Le autorità hanno offerto una taglia di 10mila dollari per coloro che forniranno informazioni utili all’individuazione degli autori degli spari contro gli agenti.

Mercoledì sera circa 150 manifestanti si erano radunati per festeggiare le dimissioni del capo della polizia, Thomas Jackson; durante la manifestazione qualcuno ha aperto il fuoco contro i poliziotti, ferendone due. Jackson ha annunciato che lascerà l’incarico dopo che il Dipartimento di Giustizia statunitense ha accusato la polizia di Ferguson di discriminare i cittadini afroamericani, a seguito dell’inchiesta sulla morte di Michael Brown, il 18enne nero e disarmato ucciso lo scorso agosto da un poliziotto bianco nella cittadina del Missouri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.