Per la prima volta una donna alla guida dell'Spd

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:30

Andrea Nahles è la nuova presidente del partito socialdemocratico tedesco (Spd). L'elezione è avvenuta con il 66,3% dei voti espressi dal congresso. Si tratta della prima donna leader in 155 anni di storia dell'Spd. 

Esito scontato

Il risultato contrasta con il 100% raggiunto un anno fa da Martin Schulz, ma è in parte spiegato dal fatto che questa volta c'era una candidatura alternativa, dal sindaco di Flensburg (nord), Simone Lange, che ha ottenuto 172 voti. Nahles ha corso come favorita, poiché era stata nominata all'unanimità dalla dirigenza del partito, mentre Lange era un candidato poco conosciuto con poche prospettive di successo. Prima del voto, Nahles aveva chiesto il sostegno per presiedere il partito, con l'impegno di guidare il rinnovamento della formazione più antica in Germania. “Oggi, qui, stiamo per rompere un soffitto di vetro”, ha detto nel suo intervento davanti ai 600 delegati, alludendo al fatto che l'Spd stava per mettere una donna nella sua leadership per la prima volta nella sua storia.

Discorso

Nahles ha ricordato la difficile strada percorsa dall'Spd per accettare di entrare in una nuova grande coalizione con il cancelliere Angela Merkel, dalla debolezza in cui il partito è rimasto dopo essere affondato al suo minimo storico del 20,5% nelle ultime elezioni generali. “Siamo in grado di rinnovare dall'interno della grande coalizione”, ha promesso Nahles, e ha ricordato alcuni dei risultati raggiunti con il sigillo del partito, come l'introduzione del salario minimo, ottenuto nel precedente governo di grande coalizione con lei come ministro del lavoro. Nahles, 47 anni, era sostenuta dal vertice del partito, mentre Lange, sei anni più giovane, è poco conosciuta anche all'interno del congresso stesso.

Congresso

Si tratta del quarto congresso dell'Spd in un anno e il primo dopo la iedizione della Grosse Koalition sotto la guida della Merkel e le dimissioni di Schulz come presidente del partito. Schulz era diventato capo del partito un anno fa ed era visto come una seria alternativa a Merkel, ma ha incassato una sconfitta pesante.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.