Oltre 1200 minori vittime di violenza nel 2018

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Oltre 1200 violenze accertate su minori e più di 600 bambini uccisi o mutilati. Sono alcuni dei drammatici numeri della guerra in Siria dall'inizio del 2018 a oggi. Lo ha rilevato Virginia Gamba, Rappresentante speciale del Segretariato Generale per i minori e i conflitti armati, che davanti al Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha descritto una situazione umanitaria gravissima nel Paese e che peggiora di anno in anno, con un aumento costante delle violenze commesse sui bambini.

La guerra dei bambini

Dall'inizio del conflitto, ha sottolineato la rappresentante Onu, sono più di 7 mila i bambini uccisi o mutilati, ma questa è solo la punta dell'iceberg perché il sommerso ammonterebbe a oltre 20 mila vittime tra i minori. ''In Siria – ha aggiunto Gamba – i bambini, nati e cresciuti durante la guerra, non conoscono il significato della parola pace''. Secondo i dati Onu 2,1 milioni di minori in Siria non sono mai andati a scuola, anche perché gli attacchi contro gli edifici scolastici, così come contro gli ambulatori e i centri medici, sono diventati una peculiarità della guerra nel Paese.Dal primo gennaio 2018 sono state 60 le scuole che hanno subito attacchi armati tanto che una scuola su tre è fuori uso per gravi danni o perché è utilizzata come rifugio o centro militare.

Appello

''La comunità internazionale deve aiutare questi bambini – ha dichiarato Gamba – privati degli anni più importanti del loro sviluppo''. ''Questi minori – ha insistito la rappresentante Onu – devono essere considerati vittime di violazioni del diritto internazionale, bambini che hanno subito sofferenze inimmaginabili''. ''I bimbi siriani sono il futuro del Paese – è stato ancora sottolineato – per questo il rispetto dei loro diritti e la loro protezione devono essere al centro di tutti i nostri sforzi''.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.